SAGE ERP X3: LA STRATEGIA DI CANALE IL CASO I.C. Medianet

SAGE ERP X3: LA STRATEGIA DI CANALE IL CASO I.C. Medianet

Il partner di Formula, che vanta una consistente esperienza nelle applicazioni gestionali, distribuisce e supporta sul proprio territorio l’ERP della multinazionale inglese Sage

L’obiettivo espresso da Gruppo Formula è quello di ampliare le vendite tramite una rete indiretta di partner, che abbiano competenze di prodotto consolidate nel mercato delle soluzioni gestionali e in particolare abbiano una buona esperienza sugli ERP, per accelerare al massimo la diffusione di Sage ERP X3 su tutto il territorio italiano.

«Abbiamo già selezionato un gruppo di società, estremamente motivate e in grado di agire con la massima autonomia – spiega Iuris Cella, direttore partner di Formula – per raggiungere al meglio anche i potenziali clienti di dimensioni più limitate, compresi nella fascia delle PMI, che in Italia rappresentano un bacino di utenza molto ampio, con budget di spesa spesso limitati, ma con le stesse esigenze delle società più grandi».

Questa politica si collega bene con quella espressa a livello internazionale dalla multinazionale Sage (www.sage.com), che per la vendita della soluzione Sage ERP X3 ha una forte esperienza sul modello di distribuzione tramite il canale indiretto.

Tra le società che in Italia hanno raccolto l’invito di Formula, c’è I.C. Medianet (www.icmedianet.it), che ha la propria sede ad Alba e, partendo dal bacino del cuneese, opera prevalentemente nell’area del nord ovest.

«La nostra azienda – descrive Giovanni Volpe, uno dei titolari di I.C. Medianet – è specializzata nella consulenza informatica e offre soluzioni complete sia in ambito software, sia hardware. Per quanto riguarda l’area applicativa, ci posizioniamo principalmente nel settore di offerta che interessa le soluzioni gestionali nella loro accezione più ampia, che comprendono tutte le componenti relative agli adempimenti amministrativi, alla gestione del ciclo attivo e passivo per quanto riguarda acquisti, produzione e vendita, ma anche alla logistica e ai magazzini».

Leggi anche:  2020, l’anno zero della rivoluzione digitale

Innovarsi tecnologicamente è un passaggio obbligato per ogni impresa che desidera mantenersi sempre all’avanguardia. «L’esperienza pluriennale dei soci fondatori – afferma Volpe – permette alla società di proporre le soluzioni informatiche più differenziate e di offrire anche progetti su misura, sviluppando pacchetti applicativi verticali per la gestione di problematiche molto specifiche, come quelle delle aziende vitivinicole oppure quelle dell’indotto che produce macchinari per l’industria dolciaria, molto presenti nel territorio dove opera I.C. Medianet».

 

SAGE ERP X3, IL PRODOTTO GIUSTO

«Il nostro obiettivo è quello di svolgere la funzione di consulente – prosegue Volpe – per accompagnare i nostri clienti nel loro percorso evolutivo. In questa veste li aiutiamo nel creare un’infrastruttura solida e nello scegliere i prodotti applicativi migliori, anche in termini di affidabilità e di scalabilità. Per questo motivo proponiamo la suite Sage ERP X3, che abbiamo scelto tra quelle presenti sia nel panorama internazionale, sia in quello italiano, come l’ERP più adeguato alle esigenze dei nostri potenziali clienti».

Rispetto ad altri ERP precedentemente adottati da I.C. Medianet, quando si è trattato di prendere in considerazione una nuova soluzione, oltre alle qualità innovative, Sage ERP X3 ha dimostrato di possedere due importanti caratteristiche peculiari: respiro internazionale del prodotto e supporto attento di Formula in Italia. Sage ERP X3 ci ha permesso di diventare più consulenti e meno tecnici.

«Il prodotto si presenta in diretta competizione a livello internazionale – spiega Volpe – essendo proposto da Sage, che si qualifica come terzo player al mondo nel mercato ERP, subito dopo Microsoft e Oracle secondo le stime Gartner del 2010, e come leader assoluto per le soluzioni gestionali progettate e rivolte principalmente al mid-market. Rispetto ad altri prodotti italiani, Sage ERP X3 garantisce la sicurezza dell’investimento per il futuro, sia a noi partner, sia ai nostri clienti. Nel mondo ciò è comprovato da oltre tremila e 500 società acquirenti, di cui oltre 250 sono italiane, che hanno scelto Sage ERP X3 come soluzione completa e in grado di soddisfare le esigenze di imprese operanti nei più diversi settori, quali il manifatturiero, il chimico, il farmaceutico, il cosmetico, l’alimentare e la produzione di beni di largo consumo».

Leggi anche:  Spazio Lenovo debutta a Milano

Inoltre, la sua piattaforma tecnologica aperta, basata su architettura web, è molto flessibile e completamente adattabile al sistema informativo già esistente, è semplice da usare, veloce da implementare e conveniente sotto il profilo economico, in quanto permette di ridurre l’infrastruttura informatica al minimo.

«Sage ERP X3 – continua Volpe – è fortemente caratterizzato dalla facilità con cui è possibile creare personalizzazioni ed estensioni funzionali anche importanti, utilizzando solo sistemi di parametrizzazione interni e quindi senza essere costretti a scrivere nemmeno una riga di codice. Ciò, accanto alla formazione e al supporto iniziale di Formula, in breve tempo ci ha reso completamente autonomi nella gestione di un progetto presso il cliente, anche nel caso di dovere adeguare l’ERP alle specifiche di processi molto particolari».

 

LA COLLABORAZIONE CON FORMULA

Non meno importante del respiro internazionale di Sage ERP X3 è il secondo aspetto evidenziato da Volpe, ossia quello di avere alle spalle una società come Formula, che – oltre a veicolare in Italia il prodotto – ha compiuto profondi interventi di localizzazione nazionale, ben più importanti di una semplice traduzione. Adattandolo alla gestione di tutti gli aspetti italiani più peculiari, relativi alle normative legali, amministrative e fiscali, ma anche alle prassi operative più comuni, quali la gestione delle partite contabili, il conto lavoro di fase e altre ancora, Formula ha reso il prodotto particolarmente interessante per il canale indiretto rivolto alle PMI.

«Dal punto di vista tecnologico – conclude Volpe – il prodotto ci mette in grado di seguire tutta l’evoluzione aziendale dei nostri clienti, garantendo così l’investimento che hanno effettuato. Inoltre – grazie al forte impegno nel valorizzare l’identità e le specificità del partner e alle sinergie create da Formula, tra vendita diretta e indiretta – da un lato, siamo diventati velocemente indipendenti e dall’altro, possiamo presidiare bene il nostro territorio di prossimità, contando sempre su una stretta collaborazione, anche commerciale, che ci ha già permesso di festeggiare l’ottava installazione in poco tempo».

Leggi anche:  Huawei riprende la sua corsa con i chip di Qualcomm

I servizi offerti da Formula tramite il programma QuickBoard, per velocizzare il business dei partner, sono di qualità elevata e pienamente soddisfacenti. Così come la documentazione, i cicli di formazione sono completi, concreti e volti a rendere il partner autonomo velocemente. Il training orientato al prodotto è disegnato per aree funzionali e per componenti tecnologiche, mentre quello più orientato al business offre approfondimenti specifici su marketing, prevendita, vendita e servizi postvendita. Infine, Volpe rileva che la risposta di Formula è sempre pronta e in grado di risolvere il problema, oppure, di dare seguito ai quesiti in meno di 24 ore.

Questo nuovo modello, al quale Formula sta lavorando da qualche tempo, orientato ad affiancare la rete indiretta, ha già fidelizzato 10 partner ben selezionati. Attualmente, la strategia di recruiting è stata ufficialmente comunicata al mercato con l’obiettivo per i prossimi due anni di più che raddoppiare la dimensione della rete, per giungere a una struttura ottimale  a copertura completa di tutto il territorio italiano.