Come governare i dati

matteo Cucco_Sytem Evolution

Lo scorso novembre, il Centro di Ricerche in Tecnologie, Innovazione e Servizi Finanziari dell’Università Cattolica di Milano (CeTIF), ha organizzato in collaborazione con la nostra azienda il convegno “Il Governo dei dati nel nuovo contesto regolamentare”.

L’evento è stato un’opportunità di confronto su una tematica sempre più presente nelle agende di banche e assicurazioni in Italia. Rappresentanti di Gruppi e Istituti bancari, di compagnie assicurative e del mondo accademico hanno illustrato le proprie esperienze e prospettive sull’argomento. Anche System Evolution ha condiviso la propria vision, maturata su più di cento progetti di data governance all’attivo realizzati negli ultimi anni. Gli atti del convegno sono consultabili direttamente sul sito CeTIF o attraverso il sito www.systemevolution.it. Colgo l’occasione di questo evento per condividere alcune riflessioni sulle direttrici di evoluzione di questa tematica.

Prima riflessione. La Data Governance è in questo momento percepita da molte organizzazioni come una revisione, un rilancio più strutturato di quel concetto di Data Quality previsto da norme e regolamenti del settore finanziario. Questa visione è solo parzialmente condivisibile: governare il patrimonio informativo significa infatti impiegare una serie di discipline (tra cui anche la Data Quality) e di tecniche per garantire non solo la qualità, ma un utilizzo dei dati più consapevole, efficace ed efficiente. Nonostante si tratti in realtà di discipline e tecniche non nuove, già ampiamente applicate e sperimentate (business metadata, master data, information lifecycle management, data lineage, per citarne alcune), il principale elemento di innovazione consiste soprattutto nel loro impiego sinergico all’interno di una visione organica e sulla base di una roadmap che ne consenta una adozione progressiva.

Leggi anche:  Apple vieta di nuovo l'app che avvisa i cittadini di Hong Kong delle attività della polizia

Seconda riflessione. La Data Governance rappresenta un valore a prescindere dall’esistenza delle normative che la prescrivono: come è ormai ampiamente dimostrato dalle esperienze (tra cui quelle illustrate nel convegno CeTIF) e documentato dalla letteratura in materia, la gestione organizzata del patrimonio informativo ha ricadute positive sui risultati d’impresa.

Terza riflessione. La Data Governance porta vantaggi tanto più evidenti quanto più è considerata e applicata in sinergia con l’IT Governance. Il buon funzionamento delle risorse IT è una condizione necessaria per un governo efficace e sostenibile del patrimonio informativo.

Quarta riflessione. Governare i dati e le risorse IT significa innanzitutto averne un monitoraggio preciso e aggiornato; il governo di un fenomeno non può prescindere da una misurazione dei principali fattori che ne descrivono il funzionamento e da una rappresentazione di questi fattori attraverso opportuni indicatori. Tecniche, metodi, strumenti di business intelligence sono componenti imprescindibili di un sistema di governance.

È sulla base di questi principi che System Evolution ha costituito la propria linea di offerta di Information Management. I servizi e le soluzioni proposte coinvolgono consulenti di processo e di metodo, analisti e tecnici ciascuno con proprie specifiche competenze, ma tutti guidati da una visione unica e organica. Questa visione, ispirata a principi di derivazione anglosassone, si è consolidata in una metodologia adattata alla nostra realtà e ormai ampliamente consolidata come standard nel nostro mercato. Visione, metodo e servizi sono inoltre supportati da una suite di strumenti specifici (DG Suite) in grado di agevolare la gestione dei processi di governance e dei relativi metadati. Tutto questo ha per System Evolution l’obiettivo di sostenere i propri clienti nella gestione dei risultati di impresa anche attraverso un efficace governo delle risorse informative.

Leggi anche:  Google mira alla registrazione delle telefonate su Android

Matteo Cucco, amministratore di System Evolution