Nasce PaleoFactory, animali estinti a portata di click

paleofactory

Dal laboratorio di paleontologia della Sapienza nasce il portale PaleoFactory. Da questo portale è possibile monitorare le attività del laboratorio e avere informazioni sulle ricerche in atto. Il laboratorio PaleoFactory, diretto da Raffaele Sardella del dipartimento di Scienze della Terra, ha come obiettivo lo studio degli organismi del passato e la loro evoluzione attraverso metodi all’avanguardia.

Il team di ricerca si occupa dell’analisi di reperti fossili grazie all’utilizzo di tecnologie moderne quali la computer graphic e la TAC, accanto ai metodi di indagine più tradizionali. Una delle ricerche più recenti del team, che ha suscitato grande interesse scientifico, è stata quella relativa al fossile di grifone preistorico, che si è conservato per millenni all’interno di una roccia vulcanica, il Peperino Albano. Ma se fino all’inizio del XXI secolo l’unico metodo per avere informazioni sull’aspetto di questo antichissimo rapace era l’osservazione diretta, negli ultimi anni, l’applicazione combinata delle TAC effettuate sui blocchi e delle più moderne tecniche di elaborazione delle immagini al computer ha permesso al team di PaleoFactory di ricostruire nel dettaglio e senza danneggiare i delicati reperti il suo aspetto originale.

I risultati di questo nuovo approccio metodologico allo studio del fossile di Peperino sono stati pubblicati da Bellucci, Iurino, Schreve e Sardella nel 2014 sulla rivista internazionale Quaternary Science Reviews. Dall’indagine, è risultato che il grifone venne ucciso da uno shock termico dovuto all’emissione di materiale vulcanico, ma questo avvenne a temperature tali da non bruciare completamente il suo corpo, che lasciò quindi nella roccia il suo calco naturale. Le ricerche riguardanti il grifone proseguono e potranno rivelare ancora molto sugli ultimi momenti di vita del grande rapace e sull’ambiente naturale in cui viveva 30mila anni fa. Oltre a promuovere al pubblico studi e scoperte, la nuova pagina web di PaleoFactory si propone di diventare una sorta di vetrina per le attività e per le persone coinvolte nel gruppo di ricerca, come tesisti, dottorandi e collaboratori, e di essere un importante strumento di dialogo con studenti, insegnanti, ricercatori, appassionati. Attraverso il portale, è possibile consultare la catalogazione delle collezioni di fossili, e richiedere l’utilizzo di servizi quali le ricostruzioni virtuali di ambienti e organismi del passato, la preparazione, la stampa in 3D, la ricostruzione fisica dei reperti, gli scavi paleontologici e le ricognizioni sul campo.

Leggi anche:  Inbound Marketing: le 8 regole d’oro per lo sviluppo digitale delle PMI