Tesla lancia Autopilot 8.0 per prevenire incidenti mortali

Ieri il produttore di auto elettriche ha presentato la nuova versione del software di bordo che verrà rilasciato ufficialmente a fine settembre

Tra presente e futuro è un anno cruciale per Tesla. Il produttore di veicoli elettrici e innovativi si trova infatti nel mezzo di aspre polemiche per gli incidenti che hanno segnato questo 2016. Il più grave è quello avvenuto a maggio, in cui ha perso la vita Joshua Brown, entusiasta dell’auto intelligente, che pare essersi fidato troppo della guida semi-automatica resa possibile dal software della Model S. In particolar modo, l’autopilota è ciò che permette a Tesla di riconoscere pericoli imminenti, cosi da evitarli e salvare la pelle al guidatore.

Cosa si può fare

Non si tratta però di una tecnologia pienamente indipendente ma di una soluzione molto lontana da ciò che Google testa da mesi con il suo veicolo autonomo. Più di una volta Musk ha invitato i suoi clienti a non lasciare che l’autopilot (meglio chiamarlo diversamente ma così è) sia il principale strumento di guida per le strade del mondo. Ad ogni modo, oggi ne abbiamo una versione più aggiornata, sicuramente più sicura e capace di distinguere distintamente tra un camion biancastro e il cielo sovrastante (a quanto pare il problema che ha reso fatale la prestazione di Joshua Brown) così da auto-sterzare e frenare quando si avverte un pericolo. Autopilot 8.0 sarà reso disponibile come aggiornamento software per tutti verso fine settembre, qui maggiori informazioni sulla nuova release.

Leggi anche:  Nei prossimi due anni l’adozione del modello network as a service nei Paesi EMEA accelererà al 41%