Da Indra una soluzione per limitare gli effetti del cambiamento climatico nelle città

Da Indra una soluzione per limitare gli effetti del cambiamento climatico nelle città

La società ha sviluppato un nuovo strumento che fornisce i dati con un livello di dettaglio senza precedenti in materia di: efficienza energetica, clima urbano, qualità dell’aria, impatto sulla salute, qualità dell’acqua e utilizzo del suolo nelle aree urbane

Il progetto europeo Decumanus guidato da Indra, una delle principali società globali di consulenza e tecnologia, ha completato lo sviluppo di servizi di analisi di nuova generazione basati principalmente su immagini satellitari e orientati a migliorare la qualità della vita e attenuare gli effetti del cambiamento climatico nelle città.

Questa tecnologia consente alle pubbliche amministrazioni, alle imprese e ai cittadini di avere accesso alle informazioni sull’efficienza energetica, clima urbano, qualità dell’aria, impatto sulla salute, indicatori di qualità dell’acqua, uso del suolo e variazioni della popolazione.

Tra le molteplici possibilità, l’intelligenza alla base di un sistema di questo tipo consentirà di: individuare edifici a bassa efficienza energetica, calcolare il costo e il risparmio che comporta la loro ristrutturazione, rilevare le aree con scarsa qualità dell’aria e quelle con le temperature più elevate, scoprire le cause ed analizzare le soluzioni, identificare potenziali problemi di salute legati a questioni climatiche e alla qualità dell’aria, conoscere i servizi di cui beneficerà ogni quartiere e se la connettività tra le aree è sufficiente, monitorare i cambiamenti nella popolazione per sapere se le infrastrutture e i servizi disponibili sono adeguati.

Per sviluppare questo strumento la società ha combinato in modo innovativo l’utilizzo di tecnologie di Osservazione della Terra, Internet of Things, Big Data e Data Analytics. Dati provenienti da satelliti e reti di sensori distribuiti in tutta la città sono integrati con le informazioni fornite da altre fonti, come registri e catasti, statistiche di istituzioni ufficiali e reti sociali.

L’utilizzo intelligente di tutti i dati consente di capire l’evoluzione dei parametri ambientali e di qualità della vita in ogni quartiere, strada e ufficio della città. Questo livello di dettaglio aiuterà le autorità a rispettare le direttive europee e la normativa sull’attenuazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, aiutando a progettare politiche efficaci. Inoltre consente di realizzare simulazioni per conoscere gli effetti che comporta l’avvio di una politica o misura specifica. In questo modo, è possibile quantificare il loro impatto, informare il cittadino e renderlo consapevole della necessità di implementazione delle politiche ambientali.

A seconda della posizione geografica, il riscaldamento globale comporta, per le città, temporali più frequenti, aumento del livello del mare, siccità più lunghe, ondate di calore più intense e forte innalzamento del livello dei fiumi in inverno.

Per mitigare questi effetti, le città devono ridurre le emissioni di CO2, migliorare l’efficienza energetica, monitorare la qualità dell’aria, introdurre politiche che assicurino la sostenibilità e garantiscano il benessere dei cittadini.

Questi miglioramenti avranno un forte impatto ambientale, in quanto la metà della popolazione mondiale vive nelle città, dove si generano gran parte del PIL mondiale e delle emissioni di CO2.

Più di 90 indicatori

I servizi sviluppati all’interno di Decumanus si articolano in sette grandi gruppi, consentendo all’utente di accedere alle informazioni di base o avanzate, a seconda delle proprie necessità:

  • Clima urbano: offre dati sulle precipitazioni, temperatura, ondate di calore, vento e comfort termico, ecc.
  • Qualità dell’aria: consente di monitorare i livelli di: anidride solforosa (SO2), biossido di azoto (NO2), monossido di azoto, ozono e particelle in sospensione.
  • Impatto sulla salute dei cittadini: fornisce informazioni sui potenziali effetti dei cambiamenti climatici sulla salute e indicatori della qualità dell’aria .
  • Controllo dell’efficienza energetica: consente di identificare gli edifici che disperdono calore, le zone dove si emette più luce e si consuma più energia. Incrociando questi dati con quelli relativi alle caratteristiche degli edifici si possono determinare le cause, calcolare i costi che comporta la ristrutturazione degli edifici, i risparmi e la rivalutazione delle aree e degli immobili.
  • Uso del suolo: fornisce dati sulla distribuzione degli edifici, delle aree verdi, sulla collocazione degli alberi, ecc.
  • Impatto sulla popolazione: analizza il modo in cui eventi come inondazioni, aumento del livello del mare ecc..  impattano sulle aree della città .
  • Qualità dell’acqua: fornisce dati sulla temperatura della superficie dell’acqua, presenza di idrocarburi, torbidità, quantità di materia organica nei contesti urbani.

Il progetto Decumanus è stato finanziato dalla UE all’interno del 7º Programma Quadro e coinvolge 11 soci di 7 Paesi. Indra ha guidato il lavoro di un consorzio nel quale hanno partecipato anche le società Eurosense, Geoville e Controlware, il Centro Aerospaziale in Germania (DLR), la Universidad Politécnica di Madrid e la University of the West England di Bristol, con il supporto delle autorità locali di Anversa, Helsinki, Londra, Madrid e Milano.

Leader in tecnologie innovative

In questo progetto Indra unisce la propria esperienza nella fornitura di servizi di Osservazione della Terra con la leadership nello sviluppo di tecnologie Big Data e Data Analytics.

La società dispone di un Data Processing Center che offre servizio ai propri clienti, tra cui l’Agenzia Spaziale Europea. A questa esperienza si aggiunge lo sviluppo di Sofia2, la soluzione Internet of Things con capacità big data e cloud che la società ha implementato in progetti smart city. Questa esperienza maturata in diversi ambiti e tecnologie contraddistingue Indra nella progettazione di soluzioni innovative.

Categorie: Hi-Tech