Arrestato ex ingegnere di Apple che ha rubato i segreti di Project Titan

Arrestato ex ingegnere di Apple che ha rubato i segreti di Project Titan
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Xiaolang Zhang ha lavorato ai sistemi per self driving car di Apple fino a maggio ed è accusato di aver rubato informazioni sensibili riguardo al progetto per fornirle poi ad una startup cinese

Alla luce di quello che è appena successo ad Apple è probabile che i rapporti tra Stati Uniti e Cina diventeranno ancora più tesi. Un ex dipendente della Mela, Xiaolang Zhang, è stato infatti arrestato dall’Fbi con l’accusa di averle sottratto informazioni sensibili in merito alla sua tecnologia per le self driving car conosciuta come Project Titan, L’uomo, che è stato fermato prima di espatriare nel Paese del Dragone, ora rischia fino a 10 anni di carcere e una multa da 250mila euro.

Zhang ha lavorato alla piattaforma per la guida autonoma di Apple dal 2015 a maggio del 2018 e si è occupato di progettare e testare particolari circuiti. Circa due mesi l’ingegnere ha rassegnato le dimissioni dopo un mese di assenza causa paternità affermando di voler lasciare Cupertino per assistere la madre malata residente in Cina. Il suo supervisore ha però notato un comportamento sospetto e ha comunicato alla Product Security Division di inviare a Zhang una richiesta formale di accedere ai contenuti salvati nei suoi due telefoni aziendali e il PC. Le indagini hanno messo in luce che l’ingegnere nei giorni precedenti alle dimissioni ha effettuato un numero di accessi ai server della Mela “esponenzialmente superiore rispetto ai primi due anni di lavoro” e che le sue attività fossero legate a “ricerche specifiche e download di numerose pagine di informazioni”. L’uomo, come ha confermato lui stesso alle autorità, è stato poi ripreso dalle telecamere mentre trafugava del materiale dal laboratorio dedicato a Project Titan, che ora si occupa anche dello sviluppo di sistemi per mini van. In totale Zhang avrebbe rubato 40 GB di dati e di questi il 60% si riferiva ad informazioni “altamente problematiche”. L’ex dipendente avrebbe venduto i segreti sottratti alla Mela a Xiaopeng Motors, startup cinese vicina ad Alibaba che si occupa di automobili senza conducente a propulsione elettrica.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categorie: Hi-Tech