Equinix si espande nel mercato italiano per accelerare la digital transformation

Per festeggiare i primi 20 anni di attività, l’azienda presenta il nuovo headquarter milanese e amplia i due data center di Milano

Equinix annuncia di aver completato l’espansione dei due data center multi-tenant situati a Milano: ML2 e ML3. Questa significativa espansione, che coincide con i festeggiamenti del 20° anniversario della fondazione di Equinix, contribuirà a supportare la crescente richiesta di servizi di interconnessione che, come rilevato da un suo recente studio, è alla base della trasformazione digitale in atto nella gran parte delle aziende italiane.

Inoltre, come parte del più ampio progetto di espansione di Equinix in Italia, l’azienda annuncia di aver ampliato e spostato i propri uffici nello stesso complesso che ospita il data center ML2, situato nel centro di Milano. Equinix è, infatti, presente nell’area milanese con tre data center International Business Exchange (IBX), ML2 Savona, ML3 Basiglio e ML4 Cascia: una posizione strategica che si trova al crocevia delle connessioni sottomarine tra l’estremo oriente, il medio oriente e collegato alla dorsale atlantica con gli USA.

Equinix continua a svolgere un ruolo importante nell’aiutare le aziende a estendere le proprie operazioni IT verso il confine digitale attraverso l’interconnessione di persone, luoghi, cloud e dati. I servizi Equinix Cloud Exchange Fabric (ECX Fabric) per il cloud privato ed Equinix Internet Exchange™ per il cloud pubblico, continueranno a essere offerti dall’azienda per supportare la domanda sempre più crescente di capacità di interconnessione necessaria per accelerare le prestazioni aziendali.

Elementi principali:

  • Milano è il cuore economico e finanziario d’Italia. Con oltre 1,3 milioni di abitanti è la seconda città più grande della nazione e l’area metropolitana di maggiori dimensioni, e svolge un ruolo fondamentale per l’economia italiana.
  • Equinix in Italia dispone di tre data center di moderna generazione che offrono accesso a un’ampia scelta di service provider di rete e cloud, punti di scambio Internet e reti di content provider. I tre edifici hanno una superficie totale di colocation scalabile di oltre 66.000 piedi quadrati (oltre 6.000 metri quadrati). I clienti di Equinix a Milano beneficiano di collegamenti metro diretti al principale punto di interconnessione della regione in Via Caldera, che ospita anche uno degli scambi Internet e punti di peering italiani principali, il Milan Internet Exchange (MIX)..
  • ML2 è un data center Equinix IBX altamente sicuro e tecnologicamente avanzato, che offre opportunità di interconnessione con un ricco ecosistema business composto da operatori di rete, fornitori di servizi cloud, istituzioni finanziarie e aziende leader in Europa. Situato a Milano in una posizione privilegiata, in via Savona, ML2 offre una connettività a bassa latenza che lo rende una soluzione molto ricercata dai system integrator e dai fornitori di servizi gestiti di qualsiasi dimensione. ML2 è progettato in modo tale da ottimizzare l’efficienza energetica e ridurre al minimo le emissioni di CO2. Utilizza anche altre tecnologie energeticamente efficienti per alimentare gli impianti di back-up.
  • ML3, situato nel quartiere periferico di Basiglio, vicino a Milano, è stato aperto nel 2009 ed è stato ora ampliato per offrire maggiore capacità e flessibilità. ML3 ospita l’Internet Exchange di Equinix in Italia.
  • Equinix Cloud Exchange (ECX) Fabric è una soluzione avanzata che consente l’interconnessione senza soluzione di continuità, on-demand e con accesso diretto a più cloud e a più reti in tutto il mondo. Unendo insieme i fornitori di servizi cloud con le aziende che utilizzano questi servizi, e consentendo loro di stabilire connessioni private ad alte prestazioni, ECX Fabric fornisce alle aziende l’accesso diretto ai servizi di cui hanno bisogno per costruire sofisticate soluzioni cloud ibride all’interno dei data center IBX di Equinix.
  • Equinix Internet Exchange consente ai driver di traffico Internet, inclusi i fornitori di servizi Internet e di contenuti, di effettuare il peering del traffico in modo facile ed efficace ed espandere le operazioni a livello globale. È il principale provider di Internet Exchange al mondo, provvede alla maggior parte delle reti, sostenendo la maggior parte del traffico, nella maggior parte delle location. Insieme a servizi aggiuntivi inclusi nel portfolio Equinix, tra cui Cross Connects ed Equinix Connect, Equinix offre una suite di servizi completa che fornisce alle reti IP la più alta qualità e le più basse opzioni di TCO per la gestione e lo scambio del traffico IP. Dato che Equinix espande la propria presenza globale, offrirà questa suite completa di servizi di interconnessione all’interno di ogni area metropolitana in cui opera l’azienda.
  • Il ricco portfolio di servizi Equinix consente ai clienti di avviare le proprie operazioni velocemente nelle strutture di colocation. I Global Solution Architects di Equinix offrono la migliore consulenza per gestire nel dettaglio i requisiti di progettazione e ottimizzazione dei servizi personalizzati di colocation e rete. I servizi infrastrutturali includono l’installazione del data center, l’approvvigionamento delle apparecchiature e la migrazione. Una volta costruita, il team di assistenza Smart Hands™ offre la gestione remota dell’infrastruttura.
Leggi anche:  Canon è leader in Europa per i servizi documentali e di stampa gestiti

Eric Schwartz, President, Equinix EMEA: “L’Italia è un mercato strategico per lo sviluppo di Equinix in EMEA. Le aziende italiane, infatti, utilizzano il cloud computing con un tasso che è più del doppio (40%) della media europea (19%). Con questa nuova espansione, vogliamo mettere a disposizione dei clienti italiani la potenzialità di una forte presenza locale in grado però di supportarli a livello globale.”

Emmanuel Becker, Managing Director Italy, Equinix: Il nuovo headquarter e l’espansione dei nostri data center a Milano sono un chiaro segno di quanto sia importante per Equinix crescere nel mercato italiano, punto strategico per l’interconnessione. Il nostro intento è quello di continuare ad ampliare le nostre infrastrutture e offrire maggiori servizi per aiutare le aziende a estendere le proprie operazioni IT verso il confine digitale”.