Microsoft Project Xcloud arriverà il prossimo anno

Microsoft spiega i piani per Project xCloud:

Il servizio di gioco via streaming dovrebbe essere lanciato nel corso del 2019 per permettere a chiunque di accedere alla piattaforma Xbox da qualsiasi dispositivo connesso

All’inizio di ottobre, Microsoft aveva comunicato ufficialmente l’esistenza di Project Xcloud, un servizio che avrebbe permesso di portare l’esperienza Xbox One su qualsiasi dispositivo connesso alla rete. In che modo? Semplicemente accedendo a una piattaforma che riproduce la dashboard di una console, permettendo di navigare tra i titoli, l’account personale e lo store dedicato.

Nella pratica, si tratterebbe di una Xbox “virtuale”, da utilizzare sia da smartphone che tablet, computer, Smart TV e persino device concorrenti (pensiamo alla PS4) tramite un browser oppure un’app. Il tutto grazie agli investimenti di Redmond verso il cloud, luogo destinato a diffondere sempre più contenuti della compagnia in modalità as-a-service.

Sta per arrivare

E stando alle notizie più recenti, Project Xcloud sarà pronto per il 2019, non sappiamo ancora quando e in che modo ma cominciano a vociferare delle indiscrezioni sul costo del servizio. Si parla di circa 200 dollari per un acquisto definitivo di una licenza perpetua, ovvero della possibilità di sfruttare la piattaforma come se si avesse una Xbox One X in casa. Al di fuori di questo servirebbero poi i giochi in sé, da comprare ovviamente solo come licenza digitale, in maniera simile a ciò che accade oggi.

Il prezzo può sembrare eccessivo ma se si confronta a quello di una console vera e propria corrisponde a circa la metà. Al netto di ciò va considerato che qui si parla di un client senza legami di spazio, dunque accessibile ovunque a patto di avere una connessione internet degna di questo nome. Ciò stravolgerà il mercato videoludico? Probabilmente si anche se ci vorrà un po’ di tempo prima che i consumatori colgano le reali opportunità di Project Xcloud, probabilmente un’iniziativa che, adesso, pare sin troppo lungimirante.

Leggi anche:  STORYSIGN l’app che aiuta i bambini non udenti a imparare a leggere