EryDel è la migliore startup dell’anno

EryDel è la migliore startup dell'anno

EryDel ha vinto StartupItalia! Open Summit 2018, il principale evento italiano dedicato alle startup e al mondo dell’imprenditoria, dell’innovazione e dello sviluppo.

EryDel, guidata dall’Amministratore Delegato Luca Benatti, si è distinta tra le 10 startup finaliste che oggi hanno presentato la propria impresa a una giuria di qualità composta da oltre 100 rappresentanti di aziende e investitori, aggiudicandosi il titolo di migliore startup italiana del 2018.

La startup EryDel, spin-off dell’università di Urbino, è stata premiata per aver sviluppato un dispositivo di somministrazione di farmaci a base di globuli rossi: la tecnologia proprietaria si basa sull’incapsulamento di farmaci in globuli rossi prelevati dal sangue del paziente che vengono poi re-iniettati nel soggetto. L’ultimo finanziamento, in aprile, è stato di 25,6 milioni di euro su investimento di Sofinnova Partners. Il prodotto leader della startup è EryDex, designato Farmaco Orfano sia dalla FDA (Food and Drug Administration) che dall’EMA (European Medicines Agency): può essere impiegato per il trattamento dell’Atassia Telangiectasia, un raro disturbo recessivo autosomico per il quale non esiste ancora una terapia consolidata. La tecnologia EryDel è in fasi di sviluppo per una vasta gamma di applicazioni aggiuntive.

“Siamo veramente entusiasti di aver partecipato a questa manifestazione concreta e di aver ricevuto questo premio. La nostra idea di utilizzare i globuli rossi per veicolare l’utilizzo di farmaci e di nuove terapie è veramente innovativa e sappiamo di rappresentare nel panorama italiano una rarità in termini di valorizzazione di questa innovazione nel settore degli eritrociti, quindi ringraziamo moltissimo l’organizzazione” – ha dichiarato Giovanni Mambrini, Chief Operating Officer di EryDel.

L’evento  – organizzato e promosso da StartupItalia!, ha riunito per la terza volta presso il Palazzo del Ghiaccio di Milano tutti gli attori protagonisti dell’innovazione in Italia, dalle istituzioni agli startupper, dalle imprese agli investitori e dalle università ai creators, registrando quest’anno oltre 11.000 presenze nell’arco dell’intera giornata. É stata una giornata di confronto a chiusura di un anno senza precedenti per investimenti – pari a oltre 520 milioni di euro – e posti di lavoro creati – più di 50.000 – dall’ecosistema innovazione nel nostro Paese. #SIOS18 ha inoltre favorito preziose occasioni di networking tra le startup partecipanti, i CEO di aziende italiane e internazionali e gli investitori e venture capitalist con l’obiettivo di creare un network efficace e funzionale per la nascita e la crescita di un numero sempre maggiore di startup.

Leggi anche:  Moviri annuncia il lancio della startup Akamas

“Oggi abbiamo scelto di sottotitolare l’evento “The Tipping Point” perchè è finalmente arrivato il punto di svolta. Credo davvero che, come ecosistema startup italiano, sia il momento di passare al prossimo livello” ha spiegato David Casalini, CEO e fondatore di StartupItalia!.

La giornata è stata aperta dal benvenuto di David Casalini, Ceo e fondatore di StartupItalia!, succeduto poi sul palco del SIOS18 da Giovanni De Lisi, fondatore di GreenRail e vincitore della passata edizione; Marco Argenti, Vice Presidente di Amazon Web Services; Silvia Candiani, CEO di Microsoft Italia; Gianmario Verona, Rettore Università Commerciale Luigi Bocconi; Agostino Santoni, CEO di Cisco Italia; Corrado Passera, fondatore di SPAXS, Leonardo Bonucci, giocatore della Juventus e della Nazionale Italiana ed infine è intervenuto anche Luigi Di Maio, Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, nonché Ministro dello Sviluppo Economico, del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Oltre 200 speaker hanno portato le proprie esperienze e conoscenze a #SIOS18 dando vita a una plenaria nella quale sono intervenute le più importanti voci dell’innovazione italiane e internazionali, più di 20 workshop che hanno toccato i principali argomenti che ruotano intorno al mondo delle startup – dal foodtech alla blockchain, dal climate change all’intelligenza artificiale, dall’economia circolare al futuro dell’apprendimento, alla salute, fino alla pubblicitàe 7 masterclass, vere e proprie Lectio Magistralis su temi critici per il successo di una startup.

Durante lo StartupItalia! Open Summit è stato presentato il 1° rapporto Italiano di DOXA dedicato all’intelligenza artificiale, robot e lavoro e una survey sul mondo dell’imprenditoria femminile sviluppata dall’associazione di Business Angel IBAN.

Grande novità di questa edizione è stata la “Startup World Cup”. Lo StartupItalia! Open Summit è stato scelto da Fenox VC come partner per la selezione del Campione italiano, vinta da Altheia che ci rappresenterà prima alla Finale Europea il 10 Aprile 2019 a Praga (primo premio 500.000 euro) e poi alla Finale Mondiale il 17 Maggio 2019 al MASONIC Auditorium di San Francisco (primo premio 1 milione di dollari).

Leggi anche:  Together to 5G: i tre migliori progetti della Call for Innovation per la futura rete 5G

Nel corso della giornata, è stata annunciata anche una collaborazione tra Microsoft e StartupItalia! attraverso growITup che prevede corsi di formazione digitale avanzata per 1000 startuppers affinchè possano sfruttare al meglio le opportunità offerte da Cloud e Intelligenza Artificiale. L’iniziativa fa parte di Ambizione Italia, un progetto di ecosistema per accelerare la trasformazione digitale in Italia, con l’obiettivo di contribuire all’occupazione e alla crescita del Paese, coinvolgendo oltre 2 milioni di giovani, studenti, NEET e professionisti in tutta Italia entro il 2020, formando oltre 500.000 persone e certificando 50.000 professionisti.