Elon Musk fissa il prezzo per il biglietto per Marte

Elon Musk fissa il prezzo per il biglietto per Marte

Elon Musk grazie a SpaceX ha intenzione di portare l’uomo su Marte entro il 2024 e oggi ha condiviso quello che sarà il prezzo per il viaggio verso il Pianeta Rosso

E’ probabile che questa generazione sarà quella che vedrà lo sbarco su Marte. Oltre alla NASA anche diverse aziende private stanno portando avanti il progetto di portare l’uomo sul Pianeta Rosso e tra queste c’è anche SpaceX di Elon Musk. Il miliardario di origini sudafricane prevede che la prima colonia extraterrestre potrebbe nascere entro i prossimi 10 anni e tramite Twitter ha condiviso un dettaglio importante per i futuri coloni di Marte. Il fondatore di Tesla ritiene che il prezzo del biglietto per questo viaggio non sarà poi così costoso come molti si aspetterebbero. “Molto dipende dal volume, ma sono fiducioso che andare su Marte (il biglietto di ritorno è gratis) un giorno costerà meno di 500.000 dollari e forse anche sotto i 100.000 dollari. Abbastanza basso per le persone che vivono in economie avanzate, che potranno vendere la casa sulla Terra e trasferirsi su Marte, se vogliono”, ha scritto Musk su Twitter.

SpaceX per portare l’uomo su Marte è ripartita praticamente da zero nella progettazione dei razzi e qualche tempo fa ha svelato Starship, un vettore riutilizzabile dal design ispirato agli Anni 50. L’ultima evoluzione di questa tecnologia permetterà di risparmiare sui costi di produzione e per i combustibili. Il razzo è infatti alimentato a metano, gas di cui Marte è molto ricco. I coloni quindi potranno creare in loco il carburante per tornare poi sulla Terra. Musk tra le altre cose la scorsa settimana ha mostrato proprio i primi test di accensione dei motori di Starship sul suo profilo Twitter. L’obiettivo è quello di creare un sistema in grado di trasportare inizialmente almeno 100 passeggeri. Il primo volo dovrebbe partire nel 2024 e per percorrere la distanza che ci separa dal Pianeta Rosso saranno necessari dai 3 ai 6 mesi.

Leggi anche:  Facebook ha condiviso i dati dei suoi utenti con Amazon, Netflix e altre