Il mobile favorisce l’inclusione finanziaria

Il mobile favorisce l’inclusione finanziaria

Le soluzioni mobile per la gestione delle proprie finanze potrebbero ridurre di oltre un terzo il numero di chi non ha ancora accesso ai servizi bancari

Un nuovo studio condotto da Mastercard conferma il ruolo fondamentale della tecnologia mobile per migliorare l’inclusione finanziaria. Emerge infatti che nei 15 paesi che rappresentano oltre il 60% della popolazione globale che non ha accesso ai servizi bancari, 607 milioni di utenti dispongono di un telefono cellulare ma non di un conto bancario. La tecnologia mobile potrebbe quindi fornire loro un accesso immediato ai vantaggi concessi dall’inclusione finanziaria.

Ad eccezione dell’India, in questi 15 paesi gli utenti in possesso di un telefono cellulare superano di diversi milioni coloro che possiedono anche un conto bancario (in Cina sono 204 milioni).

Ann Cairns, Vice Chairman di Mastercard, sottolinea però un’importante conclusione chiave della ricerca: “Fornire esclusivamente l’accesso ai servizi finanziari non è sufficiente. Per ottenere un impatto reale, le persone devono anche utilizzarli attivamente”. Infatti, a livello globale, il 20% delle persone con un conto bancario tradizionale o via mobile non lo ha usato per più di un anno, mentre sempre più persone usano il proprio account occasionalmente.

In assenza di servizi bancari, o laddove i prodotti finanziari sono usati in modo sporadico, è inevitabile che le persone si rivolgano a operatori informali, come i “club di risparmio del quartiere”, i creditori di denaro locali e i servizi di rimessa senza licenza. La maggior parte delle persone a basso reddito mostra una maggiore propensione verso questi prodotti finanziari informali e ad avere una vita finanziaria altrettanto articolata. Tuttavia, non hanno protezione legale, affrontano rischi significativi e potrebbero pagare di più per un prodotto di qualità gran lunga inferiore.

Leggi anche:  Oltre 1,2mln di clienti acquisiti da parte di Banche, Assicurazioni e Fintech nel 2018 grazie a financeAds International

Inoltre, la ricerca sottolinea testualmente che “la battaglia per l’inclusione non riguarda la creazione di comportamenti o di mercati completamente nuovi. Né si tratta di fornire un accesso semplice al sistema finanziario. Al contrario, riguarda il modo in cui operatori in buona fede e fornitori regolamentati possono fare un lavoro migliore per superare la concorrenza del settore informale”.

Un’altra considerazione importante è il divario di genere, che potrebbe aggravarsi qualora le tecnologie mobili e digitali diventassero il canale di utilizzo predominante per i servizi finanziari. Nei paesi in via di sviluppo, ad esempio, è già presente un divario di 8 punti percentuali nella proprietà degli account (67% uomini vs 59% donne). Questo divario raggiunge la doppia cifra in molti paesi, come il Marocco e il Perù, e tocca il 30% in Pakistan e Bangladesh. Infine, le donne hanno una minore probabilità di aver finalizzato o ricevuto un pagamento digitale così come di recuperare fondi di emergenza in caso di criticità, mentre c’è una maggiore probabilità che abbiano fatto ricorso a prodotti finanziari informali.

La ricerca “Unravelling the Web” è stata commissionata da Mastercard e presentata in occasione del Financial Inclusion Summit di Oslo il 28 marzo 2019 (organizzato da Fintech Mundi, uno dei più grandi acceleratori al mondo di FinTech). Tra i relatori presenti, Ann Cairns, Vice Chairman di Mastercard, Greta Bull, CEO di CGAP (Consultative Group to Assist the Poor, Banca mondiale) e James Mwangi, CEO di Equity Bank Kenya.