Solutions 30: solida performance operativa nel 2018

Dassault Systèmes: crescita a doppia cifra nel terzo trimestre del 2019

Il consiglio di sorveglianza di SOLUTIONS 30 ha esaminato e convalidato il bilancio consolidato per l’esercizio 2018, approvato dal comitato esecutivo

Crescita del 61% del fatturato 2018

Il fatturato del gruppo e’ stato pari a 441,8 milioni di euro per l’intero esercizio 2018, in crescita del 60,9% (27,6% a perimetro costante) rispetto al 2017.
SOLUTIONS 30 ha generato ricavi per 279,1 milioni di euro in Francia, con un incremento del 56,9% (34,5% a perimetro costante). La dinamica di crescita organica continua a essere trainata dalle attività nel settore della fibra ottica e dei contatori intelligenti. L’integrazione della societa’ CPCP dal 1 ° agosto e l’acquisizione della societa’ Sotranasa nel dicembre 2018 hanno inoltre consentito al Gruppo di rafforzare ulteriormente la propria quota di mercato in questi settori.

Il fatturato generato negli altri paesi e’ cresciuto del 68,4% (14,9% a perimetro costante) e ha raggiunto 162,7 milioni di euro, pari al 37% del fatturato consolidato. Nella seconda metà dell’anno, la performance è stata sostenuta in particolare dalla creazione, nel luglio 2018, di Unit-T, una società controllata al 70% da SOLUTIONS 30 e al 30% dall’operatore di telefonia mobile belga Telenet e dalla firma, con quest’ultimo, di un contratto di outsourcing del valore di circa 500 milioni di euro in 7 anni. Questa operazione di strutturazione, che consente al Gruppo di raggiungere una massa critica nel Benelux, è completata dall’acquisizione di nuovi mercati cosi’ come dall’attuazione di operazioni di esternalizzazione in Italia e dalla crescita esterna in Spagna.

Cresce del 62% l’EBITDA rettificato e del 61% l’EBIT rettificato

L’EBITDA rettificato ha raggiunto i 41,1 milioni di euro, in aumento del 62% rispetto al 2017. Rappresenta il 9,3% del fatturato, in aumento di 10 punti base in un anno grazie al buon controllo dei costi operativi.
L’EBIT rettificato è stato pari a 33,2 milioni di euro, in aumento del 61%. Include ammortamenti operativi per 7,9 milioni di euro, rispetto ai 4,7 milioni di euro dell’anno precedente, in aumento coerente con la crescita del business. Gli ammortamenti delle relazioni con i clienti1 sono stati pari a 4,8 milioni di euro al 31 dicembre 2018, rispetto a 3,9 milioni di euro di fine 2017.

Leggi anche:  La locazione operativa a supporto dello sviluppo tecnologico nella GDO

Il risultato d’esercizio, su cui impattano gli oneri finanziari, e’ costiuito da una spesa controllata di 1,7 milioni di euro, rispetto a 1,6 milioni di euro dell’esercizio 2017, rimasto a un livello stabile, grazie in particolare al miglioramento delle condizioni di finanziamento nel contesto dei nuovi prestiti strutturati sottoscritti dal Gruppo nel 2017 e nel 2018.
Gli oneri fiscali sono aumentati a 5,6 milioni di euro rispetto a 1,7 milioni di euro del 2017, con un’aliquota fiscale (esclusa CVAE – cotisation sur la valeur ajoutée des entreprises) del 13%. Questo aumento deriva dalle spese fiscali registrate in Belgio durante la creazione di Unit-T e la conseguente riorganizzazione delle altre entità legali nel paese. Le componenti non ricorrenti di +2,5 milioni di euro rispetto a +0,7 milioni dell’anno precedente derivano dalla rilevazione dell’avviamento negativo relativo alle acquisizioni molto accrescitive effettuate nel 2017.

Tenuto conto di tali elementi, il risultato netto delle società consolidate ammonta a 23,7 milioni di euro, rispetto a 14,1 milioni di euro dell’esercizio precedente. L’utile netto consolidato, che include 3,3 milioni di euro di ammortamento dell’avviamento, ammonta a 20,4 milioni di euro, in aumento del 65%. L’utile netto (quota di gruppo) ha raggiunto i 18,9 milioni di euro, in aumento del 51% rispetto allo stesso periodo del 2017. L’utile netto (quota di gruppo) è stato adeguato a 28,5 milioni di euro, pari al 6,4% del fatturato.

Una struttura finanziaria rafforzata

Al 31 dicembre 2018, il patrimonio netto del Gruppo era pari a 91,6 milioni di euro contro 66,5 milioni di euro al 31 dicembre 2017. L’indebitamento finanziario lordo ha raggiunto il livello di 82,3 milioni di euro, contro i 49,2 milioni di euro al 31 dicembre 2017, mentre la liquidità in bilancio è stata pari a 69,9 milioni di euro contro i 28,3 milioni di euro a fine dicembre 2017, il che genera un indebitamento netto di 12,4 milioni di euro contro 20,8 milioni di euro dell’anno precedente.

Leggi anche:  NovaNext libera la forza del business

L’implementazione del programma di deconsolidamento via factoring in tutte le filiali del Gruppo ha ridotto la necessità di capitale circolante (WCR) che diventa negativo di 31,9 milioni di euro nel 2018 contro un capitale di esercizio positivo pari a 27,4 milioni di euro nel 2017. L’ammontare complessivo dei crediti ceduti, quindi deconsolidati, ammontava a 51 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

Con un gearing (indebitamento finanziario netto e patrimonio netto) del 13,5%, un indebitamento netto ed EBITDA rettificato del 30% e un indice di copertura degli oneri finanziari netti per EBIT rettificato di 20 volte, il Gruppo ha margine di manovra per continuare la sua strategia di crescita.

Prospettive ambiziose a breve e medio termine

A breve e medio termine, il Gruppo continuerà a privilegiare la crescita al fine di raggiungere dimensioni critiche in tutte le aree geografiche in cui opera, mantenendo una rigorosa gestione dei costi. La sua strategia si basa su un modello economico virtuoso e facilmente replicabile, che gli consente di perseguire lo sviluppo sia a livello settoriale sia geografico, e di mantenere una politica di acquisizione mirata, una leva per accelerare il raggiungimento dei suoi obiettivi.

Per il 2019, SOLUTIONS 30 anticipa una crescita continua e redditizia. Oltre alla crescita acquisitiva derivante dalle operazioni recenti e dalla firma dei contratti, il Gruppo dovrebbe continuare ad ampliare le proprie aree di intervento, in particolare nel settore energetico in cui inizia a firmare accordi per l’installazione di terminali per la ricarica dei veicoli elettrici. Allo stesso tempo, il gruppo sta valutando la sua posizione in nuovi spazi di mercato ed è pronto a cogliere nuove opportunità di crescita esterna.

Leggi anche:  Google ha fatto un'offerta per acquisire Fitbit

Al termine di un esercizio 2018 particolarmente dinamico, il Gruppo si posiziona con fiducia e in modo ottimale per cogliere nel 2019 le opportunita’ di crescita derivanti da mercati strutturalmente vivaci direttamente collegati alla trasformazione digitale dell’economia su scala europea.

Gianbeppi Fortis, presidente del consiglio di amministrazione, ha dichiarato: “SOLUTIONS 30 ha raggiunto una solida performance operativa nel 2018. Lo scorso anno ha visto la crescita a due cifre di tutti i nostri mercati, sia geografici sia settoriali, e la creazione di Unit-T, una nuova filiale belga che svolge i servizi di prossimita’ in outsourcing esternalizzati lo scorso giugno dall’operatore via cavo Telenet. Questa eccellente dinamica è stata accompagnata da un buon controllo dei costi della struttura che ci permette di mostrare un aumento della redditività operativa. Questi risultati dimostrano la forza del nostro modello. La nostra capacità di consolidare il mercato e cogliere nuove opportunità di crescita è rafforzata, come dimostrano le nostre ultime acquisizioni e la firma dei primi contratti per l’installazione di stazioni di ricarica elettriche.”

Karim Rachedi, amministratore delegato e membro del consiglio di amministrazione, ha aggiunto: “La crescita della nostra attività continua a essere supportata dalla trasformazione digitale dell’economia. I nostri team multidisciplinari sono in grado di intervenire rapidamente, nei principali paesi europei, per realizzare i servizi di prossimità essenziali all’implementazione delle più aggiornate tecnologie digitali. Abbiamo creato un forte vantaggio competitivo consentendo ai nostri clienti di beneficiare delle economie di scala rese possibili dalla condivisione di servizi standardizzati e garantendo interventi di qualità basati su processi collaudati. È sulla base di questi solidi fondamentali che continueremo la nostra politica di crescita sostenuta e redditizia.”