Alexa presto parlerà come tutti noi

Amazon conserva tutte le registrazioni di Alexa?

Amazon sta rendendo il suo assistente vocale più intelligente, grazie ad Alexa Conversations, uno strumento che dovrebbe rendere più naturale la conversazione

Uno dei fini ultimi degli speaker intelligenti è abilitare una conversazione più naturale con i software di IA. Un obiettivo simile sarà raggiunto, o almeno perseguito, da Amazon attraverso Alexa Conversations, piattaforma simile alle Continued Conversations di Assistente Google, annunciate al Google I/O del 2018. Il tool, che sarà reso disponibile per gli sviluppatori, permetterà ad Alexa di gestire conversazioni a catena senza che gli utenti debbano costantemente pronunciare il suo nome. Una demo presente online mostra una persona interagire con l’IA semplicemente chiedendo la lista dei film al cinema, l’orario degli spettacoli, dove comprare i biglietti, che ristorante prenotare e tutto senza mai interrompere il flusso del dialogo.

Una IA più umana

Stando ad Amazon, Alexa Conversations renderà la vita degli sviluppatori più facile, riducendo il numero di linee di codice necessarie per creare flussi simili. La società ha anche ricordato che, negli ultimi mesi, Alexa è diventata del 20% più accurata nel comprendere le richieste degli utenti. “Abbiamo migliorato le nostre capacità di apprendimento automatico così che l’assistente possa predire il vero obiettivo del cliente e abilitare in modo proattivo il flusso di conversazione.

La piattaforma di sviluppo usa le informazioni prelevate dai vari dataset di esempio per analizzare le eventuali variazioni, studiando i diversi percorsi che i dialoghi possono prendere” – ha spiegato la compagnia. Non sappiamo quando Conversations tradurrà in implementazioni concrete il suo lavoro. Probabilmente non ce ne accorgeremo nemmeno perché Alexa continuerà a funzionare proprio come oggi, solo in maniera più intelligente. Intanto, arriverà a fine mese in Italia Amazon Echo Show 5, il nuovo speaker presentato qualche giorno fa, che è una copia ridotta di Echo Show, l’altoparlante dell’azienda dotato di schermo touch.

Leggi anche:  Un anno di Intelligenza Artificiale: evidenze e previsioni