Caffè Borbone sceglie Open Hub Med per il suo sviluppo IT

Caffè Borbone sceglie Open Hub Med per il suo sviluppo IT

Caffè Borbone ha scelto Open Hub Med come location per l’implementazione della sua nuova infrastruttura IT/TLC

Caffè Borbone – controllato dalla holding Italmobiliare – uno dei principali operatori nel settore del caffè “monoporzionato” e leader nel segmento delle capsule e cialde, sceglie di usufruire dei servizi dell’hub neutrale Open Hub Med come location per l’implementazione della sua nuova infrastruttura IT/TLC.

L’operazione prevede l’interconnessione ad alta capacità e affidabilità dello stabilimento produttivo di Caivano(NA) con la sede di Open Hub Med a Carini (PA) e la “collocazione” delle piattaforme IT presso l’area dedicata alle attività Data Center al fine di implementare uno scenario di Disaster Recovery e contestualmente l’erogazione di servizi direttamente dal Data Center.

Open Hub Med  è consorzio costituito da Eolo, Equinix Italia, Fastweb, In-Site, Interoute, Italtel, MIX (Milan Internet Exchange), Retelit, SUPERNAP Italia, VueTel Italia e XMED (neonato consorzio di operatori siciliani fra i quali Mandarin).

Il progetto-Caffè Borbone è realizzato e gestito dal System Integrator di Ragusa CAT S.r.l. in team con Mandarin S.p.A.

Caffè Borbone S.r.l., dal canto suo, ha affidato a Officina71 il management dell’intero progetto che vede coinvolta Software Business S.r.l. in qualità di partner SAP.

“L’attivazione del data center di OHM – dichiara Valeria Rossi presidente del Consorzio – ha rappresentato uno step fondamentale. Oggi accogliamo all’interno di OHM le terminazioni di reti di CDN, Cloud providers, Digital Media providers ma anche server di aziende italiane e straniere, tutti soggetti che beneficiano dell’avere a disposizione un’area tecnologica infrastrutturata e strategica sia a livello nazionale sia internazionale per la collocazione di risorse IT e TLC. La scelta di Caffè Borbone testimonia la strategicità di Open Hub Med anche nel settore enterprise”.

Leggi anche:  #Torino5G: prove di...futuro

Open Hub Med è un progetto in cui abbiamo creduto fortemente, partecipandovi sin dal momento della sua creazione – dichiara Vincenzo De Caro AD di Mandarin S.p.A. -. Da oltre vent’anni presidiamo il territorio, le Aziende e la Pubblica Amministrazione, ne conosciamo bene le esigenze e ne abbiamo seguito lo sviluppo. Il progetto di OHM fin da subito ci è parso l’anello mancante nelle infrastrutture IT e TLC del Sud Italia, ecco perché abbiamo sempre sostenuto attivamente l’operazione industriale che ha portato il Meridione al centro “digitale” del Mediterraneo. Le conferme dal mercato sono arrivate immediatamente: abbiamo raccolto la fiducia delle Aziende e delle Pubbliche Amministrazioni che seguiamo. La scelta di Caffè Borbone ci rende particolarmente orgogliosi poiché in questo progetto vediamo coinvolti i nostri asset principali: la rete e il data center.”

“La scelta di CAT S.r.l.”, dichiara l’ing. Francesco Vitobello, Direttore Operations di Caffè Borbone S.r.l., “è avvenuta dopo una rigida selezione che ha messo a confronto i migliori operatori del settore.

CAT si è distinta per le soluzioni innovative proposte e per l’attenzione dimostrata verso le esigenze espresse e, puntualmente, soddisfatte. La costante collaborazione con il partner è stata l’arma vincente che ci ha aiutato a superare le difficoltà tipiche di un progetto complesso ed eterogeneo come quello dell’adozione di un nuovo ERP”.