Vtiger CRM: un successo open source

Vtiger CRM: un successo open source

Funzionerà nella mia azienda? Quasi tutti se lo chiedono quando viene proposto un CRM, ossia un sistema gestionale per  potenziare le capacità dell’azienda nelle relazioni con i clienti.

Mi chiamo Angelo Paglialonga, consulente CRM specialista su Vtiger, con esperienza decennale nei software gestionali ERP e CRM.

L’imprenditore per scegliere bene ha bisogno di un CRM personalizzato sul suo modo di fare impresa potenziandolo, non stravolgendo quindi l’identità della sua azienda.

Ciò che mi distingue dal resto della concorrenza, è la possibilità di rendere personalizzabile un CRM estremamente flessibile, il vtiger crm, cucendolo su “misura d’azienda”.

Con la maggior parte dei sistemi crm la domanda è “se funzionerà” nella propria azienda, e se i collaboratori lo accetteranno in primis e in secondo luogo se dopo sei mesi continueranno ad usarlo.

Invece nel caso di soluzioni crm personalizzate la domanda è quanto grande sarà il suo ritorno sull’investimento.

Negli anni mi sono specializzato su soluzioni crm ad alto Roi per pmi tra cui anche alcune S.p.a. con  l’obiettivo di ottenere  risultati dal 30% al 50% in più in termini di capacità di gestire più richieste dei clienti migliorando obiettivi di fatturato e produttività.

L’imprenditore ha bisogno di spazio… dai pensieri, per poter creare delle strategie e studiare i prossimi investimenti, cosa che diventa ostica dovendo seguire l’azienda passo per passo.

La soluzione che consiglio è di introdurre in azienda il vTiger CRM, un software interamente open source adattandolo alle varie richieste e sfaccettature dell’impresa in modo da liberare tempo per pensare e avere tutto più organizzato e sotto controllo.

E’ inoltre integrabile con tutti gli strumenti di marketing che possono negli anni affacciarsi sul mercato grazie alle funzioni della API ossia un’ interfaccia che da programmazione permette la  connessione con altri sistemi sincronizzando i dati o trasferendoli da vtiger verso l’esterno e viceversa.

Leggi anche:  Open Source, una scommessa vincente

Tra i vantaggi più grandi che ho rilevato derivanti dall’aver introdotto un crm in azienda , c’è quello di strutturarsi, ossia di scrivere durante l’analisi, tutte le regole che sono nella mente delle  persone chiave dell’azienda e costituiscono il modo di portare i risultati in termini di vendite e soddisfazione dei clienti.

Questo permette un primo passo che porta a riflettere sullo status attuale e capire dove si può migliorare in vari ambiti, dove si è più lenti e dove si potrebbero automatizzare le attività.

Ultimamente quando si cita la parola “automatizzare” si immagina che la macchina possa togliere il lavoro all’uomo, in realtà la macchina “CRM” punta a potenziare il lavoro di tutti in azienda, introducendo facilitazioni per stressarsi di meno e automazioni per velocizzare e permettere ai collaboratori di portare più risultati per se stessi e per l’azienda, con minore sforzo.

Si possono non solo introdurre automazioni ma creare dei flussi di lavoro guidati,  vere e proprie linee guida nei processi, definire obiettivi giornalieri o mensili, in modo da alleggerire il lavoro e anche aumentare la partecipazione dei collaboratori, che si riconoscono negli strumenti del CRM in quanto personalizzati grazie ai loro consigli e alle loro richieste.

Per chi non conosce la storia di Vtiger Crm, l’idea nacque nel 2004 tra San Francisco (California) e Bangalore (India), da una vera e propria comunità che pensò di darle una forma “democratica” nello sviluppo , un software crm completamente open source, così da abbattere i costi per via dell’assenza di licenze d’uso a pagamento.

Oggi Vtiger Crm vanta l’utilizzo in oltre 3 milioni di aziende sparse per il mondo dalle start-up alle aziende leader del mercato con numeri destinati a salire per la sua capacità d’essere “personalizzabile” a misura d’azienda.

Leggi anche:  X by Orange sceglie Red Hat OpenShift

Nelle versioni precedenti vTiger era organizzato e pensato come ad un gestionale incentrato sulle funzionalità più che sulla facilità d’uso.

Con l’ultima versione, la vtiger 7, pubblicata nel 2017, ed aggiornata con correzioni e migliorie negli anni a seguire fino alla 7.1 , vTiger afferma il suo interesse per migliorare l’interazione con l’utente premiandolo nell’utilizzo giornaliero con tante facilitazioni già preimpostate “di serie”.

Per esempio abbiamo la possibilità di visionare tutti i vari KPI o key performance indicators , in una schermata dotata di vari pannelli o “tab” ognuno contenente vari cruscotti e grafici in base all’area aziendale sotto controllo.

Per esempio mentre al commerciale interessa avere solo il pannello relativo alle vendite, all’imprenditore interessa avere anche i pannelli con i KPI per le attività di marketing e per la produzione.

Di solito si passa ad un gestionale CRM dopo aver lavorato soprattutto con Excel, ebbene il crm riporta quelli che sono i vantaggi e le comodità di questo modo di lavorare aggiungendoli ai suoi punti di forza!

Mi riferisco alla possibilità di modificare i valori dei campi direttamente nelle liste come quando si modificano le celle in un foglio excel, senza navigare nella vista di modifica.

Altra caratteristica presa da excel e che somiglia molto alla funzione “ricerca verticale”, è la funzione di scelta delle colonne nelle liste, che permette, per esempio nella stessa lista dei contatti , di avere anche i campi di moduli collegati, come per esempio il telefono dell’azienda in cui i contatti lavorano, così da avere le informazioni più richieste nella stessa lista senza cercarle navigando nelle schermate.

Ma andando oltre Excel, ci sono viste personalizzate come il “quick look” che permette di visionare il sommario di ogni record direttamente nella lista con una finestra pop up, mostrando anche con gli ultimi commenti e le ultime attività correlate, senza spostarsi dalla lista.

Leggi anche:  Il CERN abbandona Windows e abbraccia l'open source

Tra le migliori funzioni del Vtiger sicuramente c’è il task manager: una vista kamban che riporta un cruscotto delle attività da fare raggruppate in colonne per priorità, con filtri sul periodo di scadenza delle attività e sugli utenti assegnatari; una vera chicca è la possibilità di trascinare le attività da una colonna all’altra (drag&drop) cambiandone la priorità!

Poiché questi benefici e tanti altri derivano dal gioco di squadra portato dallo sviluppo in comune, dalle verifiche e correzioni  di tanti sviluppatori in tutto il mondo e da tanti clienti che condividono le stesse problematiche e ambizioni, per tutte queste ragioni mi sento un promotore dell’open source e di vtiger crm in particolare.

Angelo Paglialonga, Consulente Crm