Würth Phoenix a Milano per incentivare la crescita

Würth Phoenix a Milano per incentivare la crescita

Grande vocazione internazionale e forte focalizzazione sul territorio. Il gruppo apre una nuova sede nel capoluogo lombardo e così consolida la sua presenza in Italia

Würth Phoenix ha radici italiane e fa parte del Gruppo Würth. Si tratta di uno dei migliori esempi di azienda con grande vocazione internazionale e forte focalizzazione sul territorio, tanto che nei piani del gruppo, l’Italia rappresenta sempre un obiettivo di sviluppo per rispondere meglio alle esigenze dei clienti. Ed è per questo che Würth Phoenix ha aperto una sede a Milano (dopo quella di Roma e la storica a Bolzano), quale mossa non solo tattica ma soprattutto di visione strategica per aprirsi a nuove opportunità di business. Ma gli spunti sono davvero molti e a spiegarceli è Hubert Kofler, amministratore delegato di Würth Phoenix.

«Non snaturiamo certo la nostra offerta, che resta concentrata su soluzioni ERP e CRM ma è indubbio che avere una sede operativa a Milano ci permetterà di migliorare alcuni flussi fondamentali. Tra i tanti, la vicinanza con Microsoft, di cui siamo partner per la piattaforma Dynamics 365. Se è vero che oggi molte delle attività si basano su una comunicazione remota, avere la possibilità di un contatto diretto one-to-one è un valore aggiunto che resterà nel tempo».

PIÙ VICINI AI CLIENTI

Ma non solo: l’idea è anche quella di supportare da vicino i clienti NetEye, che sono localizzati a Milano o in prossimità. Così non solo si potenzia lo strumento di monitoraggio già apprezzato in Italia ma se ne estende anche la conoscenza, magari con dimostrazioni e casi di uso più pertinenti le realtà locali.

Leggi anche:  FabricaLab accelera con l’acquisizione di BI Network

Non che a tutti gli altri sia riservata un’attenzione minore ma stabilirsi nella patria finanziaria del Paese, con la sua centralità decisionale e strutturata, consentirà ramificazioni di intervento certamente più fitte. «Vogliamo diventare un punto di riferimento per le aziende italiane che si vogliono appoggiare a una realtà dal respiro internazionale. Le organizzazioni che, dall’estero, investono in Italia spesso cercano un partner Microsoft Dynamics che abbia sia una conoscenza del territorio, anche negli aspetti più concreti, quelli finanziari, che una visione del business oltre confine. Ci poniamo allora come abilitatori di tecnologia, un compagno ideale per l’evoluzione digitale» – afferma Kofler.

ALLARGARE L’OFFERTA ERP

Nel breve periodo, la strategia di Würth Phoenix è quella di sfruttare il potenziale di Milano per allargare l’offerta ERP verso settori come il manufacturing e il fashion. «Siamo un nome forte nella proposta ERP in campi come il commercio all’ingrosso, ma vediamo ampi spunti di cresciti nel manifatturiero, nella moda e nella gestione di progetti e servizi». Del resto, le dinamiche di produttività multicanale e su più livelli necessitano di un controllo puntuale e specifico dei processi lavorativi e un attore quale è il gruppo originario di Bolzano può rispondere a queste esigenze.

L’apertura della sede milanese porta con sé anche la necessità di accrescere l’organico che attualmente è poco meno di 180 persone. «Puntiamo ad aumentare il nostro staff del 10% entro l’anno proprio con la spinta che avremo in Italia. Un conto è assumere un buon quantitativo di professionisti in zone logisticamente meno servite e un altro portarle a Milano, che offre spunti sicuramente interessanti. Lo scopo è aprirci a nuovi mercati, seguendo gli sviluppi dentro e fuori il Paese. Siamo entusiasti nel vivere l’avventura che ci aspetta, potendo solo immaginare ciò che ci riserverà il futuro».

Leggi anche:  Adam Meister è il nuovo Chief Financial Officer di Talend