Apple potrebbe portare un iPhone economico in Cina

Apple potrebbe portare un iPhone economico in Cina

In vista della presentazione di settembre dei nuovi modelli, la Mela avrebbe pensato ad uno smartphone dal prezzo ridotto, così da prendersi il mercato cinese

Se vi è una voce circa gli iPhone che persiste anno dopo anno, questa è la realizzazione di un modello economico. Ovviamente non possiamo considerare tale il modello XR che, a fronte di qualche sacrificio hardware e di design, è comunque un esemplare dal suo costo, più alto decisamente della media middle del segmento mobile. Qualcosa però potrebbe muoversi questo autunno, quando la Mela presenterà i nuovi modelli di punta. Non sarebbe qualcosa che ci riguarda direttamente ma che interessa, prima di tutto, la Cina. Pare infatti che Cupertino stia lavorando ad un iPhone dedicato al mercato di Pechino, dal cartellino più basso, per contrastare l’ascesa dei dispositivi Android.

Cosa vedremo

Dobbiamo fidarci? Difficile dirlo. Il sito Global Times and Caijing , afferma che Apple sta finalizzando un prodotto specifico per i consumatori cinesi, che sarà privo del sensore Face ID a favore di uno scanner di impronte digitali sotto lo schermo. Ciò dovrebbe consentire una riduzione dei costi in fase di produzione e quindi di vendita. La fonte pare essere la catena di approvvigionamento di Apple nel paese, che suggerisce come il sistema di scansione facciale TrueDepth 3D sia troppo oneroso per consentire a qualsiasi azienda di risparmiare. Ma oltre a questa indiscrezione c’è poco altro, anzi nemmeno gli analisti più vicini al gruppo si sono espressi in materia, lasciando più di un dubbio sulla questione.

Le rivendicazioni di un iPhone specifico per il mercato cinese hanno fatto il giro del web già in passato, ma si sono dimostrate in gran parte false. Il primo apparentemente focalizzato alla Cina è stato l’iPhone 5C con corpo in plastica, che in origine avrebbe dovuto essere molto più economico ma in realtà è stato venduto a livello internazionale ad un prezzo leggermente inferiore ai top di gamma. Negli anni successivi, Apple ha apportato leggere modifiche per i prodotti spediti in Cina, come ad esempio rinunciare al supporto eSIM per ragioni normative, ma non ha mai realizzato uno smartphone ad-hoc, così come qualsiasi altro dispositivo, solo per i clienti in Oriente.

Leggi anche:  Clienti sempre più smart, banche ancora indietro