BMW e Daimler insieme per la guida autonoma

BMW e Daimler insieme per la guida autonoma

Sono circa 1.200 i tecnici delle due compagnie che cominceranno a collaborare per realizzare tecnologie di self driving a scopo commerciale

BMW e Daimler sono solo le ultime due compagnie, in ordine temporale, a unire le proprie forze per dare uno scossone significativo al settore della guida autonoma. Lo faranno concentrandosi sullo sviluppo di tecnologie per sistemi di guida assistita, guida automatizzata su autostrade e parcheggi self, implementando sistemi da integrare in maniera indipendente nei propri veicoli, che manterranno ovviamente brand separati.

La notizia della partnership non è del tutto nuova, visto che a febbraio le aziende avevano affermato di star discutendo la possibilità di estendere il lavoro di concerto. A quanto pare, saranno almeno 1.200 i tecnici che opereranno dall’una e dall’altra parte, per le iniziative congiunte.

Cosa succederà presto

BMW e Daimler, le due più grandi case automobilistiche tedesche dopo Volkswagen, hanno entrambi ottenuto ricavi di profitto ridotti nell’anno, dovendo confrontarsi con un mercato in stallo, dove i margini si restringono notevolmente. Per questo, i costruttori sono sempre più spinti a collaborare, almeno in quelle tecnologie chiave che per oggi non offrono nulla di concreto a livello commerciale e in cui si trovano ad affrontare la concorrenza di giganti come Google e Waymo. Non a caso, Volkswagen e Ford, sono in una fase finale di colloqui per l’avvio di un’alleanza strategica verso lo sviluppo congiunto di auto elettriche e autonome. Anzi siamo anche oltre: secondo il quotidiano Handelsblatt, l’accordo verrà approvato l’11 luglio.

Lo scorso maggio, maggio, si era parlata di una fusione tra Fiat e il gruppo Renault, con le voci che sono rientrate in seguito. FCA avrebbe ritirato la sua offerta dopo l’indecisione della francese, nonostante la pressione del governo di Parigi per la negoziazione di alcuni punti, sollevati dall’organizzazione italiano-americana.

Leggi anche:  HyperloopTT: ecco la prima capsula per passeggeri al mondo