5G: il potenziale del network slicing

5G: il potenziale del network slicing

Il 5G è noto per elevata capacità di trasporto, bassa latenza e frequenze multiple in una singola rete sottostante, ma offre anche la possibilità di avere diverse reti logiche che corrispondono a esigenze diverse

Di Massimo Dino Ceresoli, Head of Global Services Southern Europe di Orange Business Services

La trasformazione digitale richiede un aumento esponenziale del traffico dati, una varietà di usi aziendali e un elevato livello di criticità: per fare questo serve l’accesso al network slicing, o suddivisione della rete. Sebbene non sia ancora standardizzato, potrebbe diventare una delle principali risorse del 5G.

Lo slicing di rete può essere considerato un insieme logico di risorse che fornirà caratteristiche prestazionali definite come larghezza di banda, latenza, priorità e affidabilità. Per soddisfare i requisiti di servizio, lo slicing 5G dovrebbe essere dinamico.

A questo punto, le tecnologie SDN/NFV diventano un pilastro delle reti 5G. La loro implementazione da parte delle TelCo consentirà l’orchestrazione di risorse quali capacità di elaborazione, memoria, archiviazione e networking. Con l’aiuto della virtualizzazione, gli operatori sono in grado di configurare o riconfigurare dinamicamente le risorse in base ai requisiti di servizio o alle condizioni mutevoli della rete. Con SDN/NFV, le sezioni possono essere configurate rapidamente e gestite in modo dinamico per fornire servizi concreti.

Tuttavia, allo stato attuale della standardizzazione, questa suddivisione dinamica del 5G potrebbe non diventare realtà prima del 2023. Realisticamente nei prossimi due o tre anni emergerà una sorta di slicing statico, in cui le “fette” sono già istanziate e il dispositivo deve procedere alla selezione della “fetta”.

In ambito B2B, le aziende che migrano su SD-WAN sono in grado di ottimizzare l’utilizzo della loro connettività, Internet o MPLS, grazie al routing intelligente: potranno semplificare la gestione dei loro siti, orchestrando la loro rete centralmente in tempo reale. La gestione del sito può essere più reattiva e flessibile. L’esperienza dell’utente finale è migliore, grazie alle funzionalità di visibilità dell’applicazione che offrono maggiore controllo e segmentazione. I gestori di rete sono meglio informati, cosa che consente loro di reagire rapidamente e prendere le giuste decisioni.

Leggi anche:  Black Friday: gli acquisti da mobile superano quelli da desktop

Una volta disponibili, le funzionalità 5G saranno sfruttate in combinazione con SD-WAN. Allo stesso tempo, il 5G incrementerà le capacità SD-WAN. Tre vantaggi convincenti lo dimostrano:

  • Primo, il tempo di connessione a confronto con la linea fissa. Questo è già il caso del 4G e sarà ulteriormente rafforzato con il 5G grazie alla maggiore velocità di queste connessioni con una rete SD-WAN.
  • Secondo, c’è il “Best of Network usage”, dimostrato per la prima volta durante l’Orange Business Summit dello scorso 18 aprile a Parigi. Orange Business Services e Nokia hanno collaborato al caso d’uso SD-WAN su 5G, mostrando un esempio di connettività senza soluzione di continuità della soluzione Orange SD-WAN su una combinazione di fibra e 5G. Questo scenario live in tempo reale prevedeva una videoconferenza ad alta definizione instradata automaticamente su 5G quando si verificava una congestione sul collegamento in fibra iniziale. La combinazione di 5G e SD-WAN ha dimostrato un elevato grado di affidabilità delle prestazioni.
  • Infine, la segmentazione delle applicazioni e la scelta del percorso raggiungeranno un livello più alto grazie alla combinazione della funzione SD-WAN e dello slicing L’SD-WAN presenta molte opzioni in termini di livelli di disponibilità, larghezza di banda e sicurezza più adatti alle attività di ciascuna azienda, ad esempio manutenzione in realtà virtuale, procedure mediche eseguite da remoto o la connessione di siti industriali critici.

Lo slicing dinamico facilita l’allocazione dinamica end-to-end e la suddivisione su misura dalla distribuzione alla rete principale, adattando i modelli di traffico dei clienti e i requisiti aziendali specifici. Con il routing e l’orchestrazione delle applicazioni SD-WAN in tempo reale, le informazioni provenienti da 5G e SD-WAN verranno combinate.

Leggi anche:  BT collega sedi e uffici del governo spagnolo nel mondo

Il 5G rende indistinto il confine tra (SD-)WAN e (SD-)LAN e questo crea nuovi casi d’uso e persino nuovi modelli di business potenziali. Ad esempio, i siti industriali potrebbero sfruttare la tecnologia 5G + SD-WAN per collegare il traffico aziendale prioritario, come ad esempio i robot di produzione. Gli ospedali potrebbero sostituire i cavi fisici nelle sale operatorie e garantire l’assenza di batteri e il monitoraggio delle apparecchiature mediche.

Con l’arrivo del 5G e le possibilità di network slicing che ne derivano, siamo di fronte a un nuovo pilastro della connettività intelligente.