HP taglierà 9mila dipendenti nei prossimi tre anni

HP, Dell e Microsoft si uniscono all'esodo dalla Cina

Il CEO entrante Enrique Lores ha annunciato il taglio che coinvolgerà, nel triennio, la forza lavoro a livello globale

Succederà a Dion Weisler nel ruolo di CEO di HP dal 1 novembre Enrique Lores, e la sua venuta non è certamente ben attesa dalla compagnia. Il manager ha infatti annunciato che la società taglierà dai 7.000 a 9.000 posti di lavoro, circa il 16% dei suoi 55.000 dipendenti globali, entro il 2022. Il personale interessato sarà lasciato a casa attraverso una combinazione di uscite e pensionamenti anticipati volontari, con la maggior parte dei tagli che verrà effettuata attraverso “funzioni aziendali e supporto back-office”. HP ha affermato che il cosiddetto piano di ristrutturazione vedrà semplificato il suo modello operativo, in modo che possa diventare una società maggiormente abilitata per il digitale. Ciò dovrebbe aiutarla a risparmiare circa 1 miliardo di dollari a fine triennio.

Cosa succederà ad HP

«Stiamo intraprendendo azioni coraggiose e decisive mentre ci imbarchiamo nel nostro prossimo capitolo – ha dichiarato Lores – vediamo opportunità significative per creare valore per gli azionisti e raggiungeremo questo obiettivo promuovendo la leadership, sconvolgendo le industrie e trasformando in modo aggressivo il modo di lavorare. Diventeremo un’azienda ancora più focalizzata sul cliente e abilitata per il digitale, che guiderà l’innovazione seguendo nuovi slanci». In base alla ristrutturazione, la compagnia ha sottolineato che dovrà ripensare anche alla divisione stampanti, in difficoltà.

«Sono orgoglioso dei progressi che abbiamo fatto in tutta la nostra attività, sempre all’avanguardia, con una cultura orientata allo scopo – ha detto Wiesler, che si dimetterà da CEO di HP il mese prossimo per motivi di salute di famiglia – non ho dubbi che il nostro team continuerà ad alzare il tiro sotto la guida di Enrique». L’ultima serie di tagli in quanto a posti di lavoro in HP arriva al termina di un altro ridimensionamento, avvenuto con il licenziamento di 5.000 persone.

Leggi anche:  Il mondo del lavoro al tempo del Covid-19