Marie Langer è il nuovo CEO di EOS

Marie Langer è il nuovo CEO di EOS

Con la nuova generazione di manager, l’azienda leader nel mercato della stampa 3D industriale è ben posizionata per il futuro

EOS procederà con effetto immediato a una riorganizzazione del proprio management aziendale. In tal modo, la famiglia proprietaria dell’azienda sottolinea il proprio impegno a lungo termine, gettando allo stesso tempo le basi per posizionare in modo ottimale la società in un ambiente di mercato altamente dinamico e in continua evoluzione.

Il nuovo CEO

Marie Langer, figlia del fondatore Hans J. Langer, è con effetto immediato il nuovo Chief Executive Officer (CEO) di EOS GmbH, posizione nella quale avrà la responsabilità della direzione strategica dell’azienda. Le aree su cui si focalizzerà in particolare saranno la strategia, il marketing, le comunicazioni, nonché la cultura aziendale, l’organizzazione e lo sviluppo delle persone.

In merito alla sua nuova posizione in EOS, il nuovo CEO Marie Langer ha dichiarato: “30 anni di impegno personale a tutti i livelli e la nostra cultura condivisa ci hanno reso l’azienda di grande successo che siamo oggi. Abbiamo sfruttato appieno lo spirito pionieristico dei primi anni e lo abbiamo unito all’esperienza di leader nel mercato globale.” E ha continuato: “Sia dal punto di vista tecnologico che organizzativo, EOS è posizionata in modo ottimale per un futuro di successo. Il mio obiettivo è fare in modo che EOS si mantenga all’avanguardia nelle tecnologie di stampa 3D industriale e che l’azienda dia un contributo sostenibile alla soluzione delle enormi sfide che oggi ci troviamo ad affrontare. Vogliamo che la nostra tecnologia faccia molto di più che promuovere la crescita economica. Vogliamo che offra vantaggi ambientali e sociali positivi.”

Leggi anche:  Colt annuncia la nomina di Yasutaka Mizutani a CMO

Il consiglio di amministrazione esteso

In qualità di amministratore delegato, Adrian Keppler si concentrerà ulteriormente sullo sviluppo di relazioni strategiche con clienti e partner e supervisionerà la stretta collaborazione tra le consociate EOS e con l’ecosistema EOS.

Eric Paffrath, nella sua funzione di amministratore delegato, continuerà ad avere la responsabilità delle attività commerciali di EOS GmbH. In questo ruolo, dirigerà le divisioni Finance, Business Administration e Information Technology, così come altre aree commerciali.

Il CTO e il CCOO lasciano EOS di comune accordo

Il precedente CTO Tobias Abeln e il precedente CCOO Bertrand Humel van der Lee lasciano consensualmente l’azienda.

Hans J. Langer, fondatore di EOS GmbH e CEO di EOS GROUP, ha dichiarato: “Vorrei ringraziare Tobias Abeln che ha lavorato con passione ed entusiasmo negli ultimi otto anni, durante i quali ha sviluppato un’organizzazione tecnica forte e altamente capace, che è stata un elemento essenziale per il nostro successo. Vorrei anche ringraziare Bertrand Humel van der Lee per il suo contributo chiave alle vendite, ai servizi e al marketing in tutte le aree geografiche durante il tempo trascorso in EOS.”

La nuova organizzazione CTO

In ottobre, EOS ha introdotto una struttura orientata alle linee di prodotti pensata per rispondere alle esigenze dei clienti e che comprende quattro divisioni centrali: sistemi metallici, sistemi e materiali a base di polimeri, software e innovazione. Questo consentirà di massimizzare le sinergie, accelerare i processi decisionali e garantire un supporto costante per tutto il ciclo di vita del prodotto.

L’ecosistema EOS

Creato e ampliato da Langer nel corso di molti anni, l’ecosistema EOS è una rete a più livelli formata dalle consociate EOS, i partner esterni e la società AM Ventures, con l’obiettivo di supportare le start-up più promettenti. Questa collaborazione combina differenti competenze per consentire l’implementazione di soluzioni di produzione specifiche per il cliente lungo l’intera value chain, dall’idea iniziale alla progettazione, fino alla produzione e alla post-elaborazione, per arrivare al componente finito.

Leggi anche:  La Gen Z ha fiducia nelle proprie capacità tecnologiche ma non altrettanto nelle proprie soft skill