Seeweb, un virtual private cloud molto ibrido

Seeweb, un virtual private cloud molto ibrido

La società ha presentato un progetto di cloud ibrido e ha sottolineato la volontà del gruppo DHH, di cui è parte, di acquisire data center e nodi anche nell’Est Europa

Diego Alessandri, account manager di Seeweb, presenta a Smau 2019 Virtual Private Cloud, un ambiente che permette al cliente di creare un proprio data center e gestire macchine virtuali sulla base di risorse che mette in campo Seeweb.

L’operazione vede l’accordo con un partner vendor del calibro di VMware. Si tratta di un’infrastruttura in totale isolamento che sposa la flessibilità del cloud. Alessandri sostiene che la soluzione viene fornita chiavi in mano. Un trend in crescita per la società grazie alla flessibilità e all’ottimizzazione lato infrastrutturale che incontra le esigenze del cliente. Un cloud ibrido, in sostanza, che aiuta i clienti ad acquistare ciò di cui necessitano.

Tra le novità in casa Seeweb si parla di cloud e di IoT. Seeweb è parte del gruppo DHH, Dominion Hosting Holding, un progetto nato nel 2016, oggi quotato in Borsa. Alessandri ha confermato la volontà, per il gruppo, di supportare gli hosting provider di cui è partner nei paesi dell’Est Europa e, per questo, sono già stati installati e acquisiti data center e nodi a Lugano, Serbia e Zagabria.

Leggi anche:  IDC Multicloud Conference 2019, cos’è la seconda rivoluzione del cloud