Canon tra le prime aziende nelle classifiche dei brevetti

Il Gruppo Ansaldo Energia sceglie Canon per ottimizzare l'ambiente di stampa

Canon si posiziona tre le prime cinque aziende nella classifica dei brevetti statunitensi per 34 anni consecutivi e al primo posto tra le aziende giapponesi per 15 anni consecutivi

Canon si conferma al terzo posto per numero di brevetti depositati negli Stati Uniti nel 2019: secondo la classifica preliminare rilasciata da IFI CLAIMS Patent Services, Canon è l’unica azienda al mondo a essersi attestata tra i primi cinque posti per 34 anni consecutivi. Canon si colloca inoltre di nuovo al primo posto tra le aziende giapponesi.

Canon, azienda che opera su scala globale, attribuisce grande importanza alla propria attività di Ricerca e Sviluppo e all’ottenimento di brevetti in diversi paesi del mondo. Proprio per questo viene definita una strategia di deposito brevetti che tiene conto delle caratteristiche di business, delle soluzioni tecnologiche e dei trend specifici per ogni Paese.

In particolare, gli Stati Uniti con le loro numerose aziende high-tech e le grandi dimensioni del mercato nazionale, rappresentano una regione importante in termini di espansione del business e di alleanze tecnologiche.

Classifica dei brevetti negli Stati Uniti Canon anni 2005–2019

Nota: Il numero di brevetti per il  2019  si  basa  sui  dati  rilasciati  da  IFI  CLAIMS Patent Services. Le cifre per il periodo 2005-2018 si basano sulle informazioni diffuse dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti.

Canon promuove l’acquisizione e l’applicazione dei diritti di proprietà intellettuale, non solo  in relazione alle tecnologie fondamentali richieste per i prodotti futuri, ma anche in merito  a tecnologie come la comunicazione wireless e le soluzioni per la compressione delle  immagini condivise dalle infrastrutture sociali di prossima generazione. Canon vuole mettree la propria tecnologia al servizio della società, offrendo prodotti sempre più innovativi e contribuendo allo sviluppo del settore manifatturiero.

Leggi anche:  Indennizzi, nuova bocciatura. Jobs Act, cosa resterà?