E’ nata Bosch.IO, focus su IoT ed esperienza digitale

E' nata Bosch.IO, focus su IoT ed esperienza digitale
Ascolta l'articolo

Il CDO di Bosch Michael Bolle: “Bosch.IO porta l’Internet delle cose ovunque: dalle strade alle fabbriche fino alle case e ai campi”

Bosch ha raggruppato le proprie attività dedicate all’Internet delle cose (IoT) in una nuova consociata, Bosch.IO GmbH. La società conta oltre 900 collaboratori con l’obiettivo di trainare lo sviluppo di soluzioni IoT che spaziano dalla consulenza all’implementazione fino al funzionamento. “Con Bosch.IO, rafforziamo la nostra posizione come azienda leader dell’IoT” ha affermato Michael Bolle, membro del Board of management di Bosch. Ciò che distingue questa nuova consociata di Bosch è che gli sviluppatori software e hardware lavorano insieme agli specialisti del cloud e ai designer della user experience su progetti IoT di importanza futura. “Con la nuova configurazione di Bosch.IO vogliamo portare l’Internet delle cose ovunque, dalle strade alle fabbriche fino alle case e ai campi” ha dichiarato Bolle. L’elemento fondamentale del portfolio di prodotti della consociata di Bosch è Bosch IoT Suite, la piattaforma tecnologica al centro delle soluzioni IoT.

Bosch.IO è una nuova consociata di Bosch che nasce dall’unione della ex Bosch Software Innovations GmbH con altri team di Bosch specializzati nel digitale e nell’IoT. Fanno parte dell’Executive management Stefan Ferber, Aleksandar Mitrovic e Yvonne Reckling. L’azienda ha la sede principale a Berlino ed è presente anche in Germania, Bulgaria, Cina, Giappone, Spagna e Stati Uniti.

Ancora più vicini al cliente

Bosch.IO realizza la volontà di Bosch di concentrarsi di più sul business per l’IoT e, al contempo, assegna un ruolo di grande rilievo alle richieste del cliente. “Il nostro obiettivo è realizzare progetti IoT più rapidamente e con maggiore efficienza” ha dichiarato Aleksandar Mitrovic, membro dell’Executive management di Bosch.IO. “A questo scopo, l’azienda conta sui suoi team interdisciplinari e dinamici che lavorano assieme formando costellazioni sempre diverse. Ci sono sviluppatori hardware e software, esperti del cloud, architetti di soluzioni, project manager, UX designer, innovatori del modello di business e docenti. Mettiamo insieme persone che hanno le giuste competenze per ogni progetto IoT e di digitalizzazione con l’obiettivo di rispondere alle richieste degli utenti nel modo migliore possibile” ha spiegato Mitrovic. I nostri collaboratori hanno anche una vasta esperienza in diversi settori, come il retail, l’energia, la produzione, i beni di consumo, l’agricoltura e la mobilità. Per i suoi progetti, Bosch.IO collabora con circa 30.000 sviluppatori software ed esperti di IA. “Insieme sviluppiamo modelli di business digitale sostenibili, integrazione tecnica diretta ed ecosistemi connessi per e con i nostri clienti” ha concluso Mitrovic.

Leggi anche:  Lavoro ibrido: nuove prospettive per le aziende

Insieme a soluzioni altamente specializzate per i singoli segmenti, alcuni servizi di Bosch IoT Suite possono essere impiegati in molteplici applicazioni. Ne consegue una maggiore efficienza di sviluppo e di utilizzo, in quanto attività di base complesse e che richiedono molta manodopera possono essere eseguite una sola volta. Tra queste, per esempio, vi è un servizio per collegare e gestire i dispositivi e aggiornare il software e il firmware over the air, che permette di mantenere sempre aggiornato qualsiasi elemento, dal parco auto alle videocamere di sorveglianza fino ai macchinari.

Progetti IoT con l’aiuto dell’intelligenza artificiale

Grazie alla nuova consociata di Bosch e agli ingegneri di Bosch che collaborano a stretto contatto, le tecnologie IA sono pronte per ricoprire un ruolo sempre più importante nei futuri progetti IoT e digitali. Un esempio è l’utilizzo dei metodi di data mining per derivare regole per il machine learning basato sui big data. La conoscenza acquisita può servire, tra le altre cose, a controllare in modo pratico e sicuro gli elettrodomestici di diverse case produttrici. Anche gli strumenti per confrontare le immagini sfruttano l’IA: Bosch.IO li utilizza per Secure Product Fingerprint, una soluzione anti contraffazione, che identifica le superfici dei prodotti, offrendo a consumatori e clienti aziendali una protezione efficace contro le merci contraffatte. I metodi assistiti dall’IA rilevano anche con sicurezza quando un veicolo a due ruote è coinvolto in un incidente e possono avviare automaticamente una chiamata di emergenza.

Più di 10 milioni di cose connesse

Bosch.IO può attingere a molti anni di esperienza acquisita in oltre 250 progetti di IoT realizzati per clienti internazionali. Il prodotto principale di Bosch.IO è Bosch IoT Suite. Collega già più di dieci milioni di sensori, dispositivi e macchine con i loro utenti e applicazioni aziendali ed è la piattaforma software centrale di Bosch per le soluzioni IoT.

Leggi anche:  La distribuzione a valore secondo Bludis