Il coronavirus può davvero fermare Apple?

Il coronavirus può davvero fermare Apple?
Ascolta l'articolo

Non solo problemi di produzione ma anche di vendita entro il primo semestre dell’anno per l’iPhone 9, modello di melafonino più economico

Il nuovo e più economico iPhone potrebbe essere difficile non solo da produrre ma persino da comprare. La fornitura del cosiddetto iPhone SE 2 o iPhone 9 sarà limitata a causa della diffusione del coronavirus, stando agli analisti di Nikkei. I report hanno avevano già suggerito come Apple abbia in programma il lancio del telefono alla fine di marzo, nonostante i problemi della febbre e rallentamenti dovuti alla chiusura e alle precauzioni messe in atto presso le fabbriche di fornitura, come ad esempio Foxconn, il cui grosso delle operazioni è proprio in Cina.

Ma adesso si dice come la diffusione del virus possa colpire direttamente l’offerta, portando a una disponibilità limitata a livello globale. Sebbene la società sia nei tempi previsti per il lancio, è probabile che manchi il programma per la produzione di massa. Peraltro, Nikkei Asian Review ricorda come la Mela abbia chiesto ai partner hardware di preparare 15 milioni di telefoni per la prima metà dell’anno, a partire dalla fine di febbraio, ma è improbabile che tutto sia andato come previsto.

Il nuovo iPhone 9 è già in difficoltà

L’affermazione è arrivata subito dopo che Apple ha ribassato le sue stime di vendita per i prossimi trimestri, in cui l’iPhone low-cost avrebbe dovuto giocare un ruolo essenziale. La diffusione della malattia in Cina, che è un mercato importante sia per l’acquisto che per la produzione di prodotti Apple, ha portato a una serie di problemi per l’azienda, inclusi i negozi chiusi e la produzione più lenta del solito.

Quando è stato rilasciato l’iPhone SE originale, a marzo 2016, il successo è arrivato quasi inatteso per Cupertino, tanto da rappresentare quasi una sorpresa a livello commerciale. Pare che il nuovo iPhone abbia sostanzialmente lo stesso approccio, usando il design di base che si trova nell’iPhone 8 ma dotato di parti interne aggiornate.

Leggi anche:  Intel lancerà a giugno 2020 le schede grafiche Xe