Microsoft Build 2020 si terrà online

Microsoft Build 2020 si terrà online
Ascolta l'articolo

Dopo Facebook F8 e Google I/O anche Redmond si trova costretta ad annullare l’evento per gli sviluppatori Build, che si terrà via streaming

Il pericoloso coronavirus ha fatto spostare un altro evento verso l’online. Dopo che Google e Facebook hanno annullato i loro appuntamenti per i developer, la conferenza F8 e il Google I/O 2020, Microsoft ha ufficializzato l’annullamento fisico della Build, che a questo punto si terrà esclusivamente via streaming. La conferenza doveva svolgersi a Seattle tra il 19 maggio e il 21 maggio ma con una dichiarazione a The Verge, il colosso della tecnologia ha dichiarato di aver fatto questo passo considerando le raccomandazioni di sicurezza emesse dal governo degli Stati Uniti:

“La sicurezza della nostra comunità è una priorità assoluta. Alla luce delle raccomandazioni sulla sicurezza sanitaria per lo Stato di Washington, offriremo il nostro evento annuale Microsoft Build agli sviluppatori in formato digitale, al posto di quello fisico. Non vediamo l’ora di riunire il nostro ecosistema di sviluppatori in questo nuovo formato virtuale per apprendere, connetterci e programmare insieme”.

Cosa ne sarà della Microsoft Build 2020

Microsoft ha già chiesto ai suoi dipendenti di Seattle e in California di lavorare da casa fino al 25 marzo. Con il crescente numero di casi negli Stati Uniti e gli eventi che vengono cancellati ogni giorno, la conseguenza non è esattamente una sorpresa. All’inizio della settimana, uno dei principali eventi di gioco, l’annuale Electronic Entertainment Expo (E3), è stato cancellato a causa della diffusione del coronavirus. Ad ogni modo, resta da capire come esattamente ogni grande azienda tecnologica affronterà la situazione, visto che ognuna, prima o poi, si dovrà interrogare su quanto sicuro sia svolgere, o meno, appuntamenti di persona. Peraltro, le kermesse per i developer sono di norma molto affollate e richiamano professionisti da tutto il mondo, che hanno la possibilità di socializzare con ingegneri che lavorano su grandi piattaforme e per le più grandi aziende tech a livello globale.

Leggi anche:  Scuola, effetto overload. Si fa presto a dire DAD