Google Meet è disponibile gratuitamente per tutti

Google Meet è disponibile gratuitamente per tutti
Ascolta l'articolo

Google Cloud annuncia ufficialmente che Google Meet, la nota soluzione premium per le videoconferenze, sarà disponibile gratuitamente per tutti a partire dalle prossime settimane

A cura di Javier Soltero, Vice President & GM, G Suite

La tecnologia che ci tiene connessi mentre siamo distanti è la stessa che ci aiuta a rimanere produttivi e al sicuro. Negli ultimi mesi ci siamo accorti dell’importanza degli incontri video per rimanere in contatto – che si tratti di lavorare con i colleghi, parlare con la famiglia e gli amici, consultarsi con un medico, oppure studiare e imparare restando a casa.

Oggi annunciamo che Google Meet, il nostro prodotto premium per le videoconferenze, sarà gratuito per tutti, e disponibile gradualmente nelle prossime settimane. Abbiamo investito anni di lavoro per rendere Meet una soluzione sicura e affidabile per le scuole, per i governi e per le aziende in tutto il mondo, e negli ultimi mesi abbiamo accelerato la disponibilità delle funzionalità più richieste in modo da rendere Meet ancora più utile. A cominciare da maggio, chiunque possieda un indirizzo e-mail può iscriversi a Meet e utilizzare molte delle funzionalità che sono già a usate dai nostri clienti G Suite – scuole, istituzioni, organizzazioni e business –, come per esempio la pianificazione delle riunioni e la condivisione dello schermo, i sottotitoli (in inglese) in tempo reale e la scelta del layout che più si adatta alle proprie necessità, inclusa la visualizzazione a griglia espansa.

È importante che chiunque utilizzi Meet possa avere un’esperienza sicura e senza imprevisti fin da subito. Per questo motivo, dalla prossima settimana estenderemo gradualmente la sua disponibilità a un numero sempre maggiore di persone. Ciò significa che qualcuno potrebbe dover aspettare qualche giorno prima di poter organizzare riunioni su meet.google.com sin da subito, ma è possibile iscriversi qui per ricevere una notifica quando il servizio sarà disponibile.

Videoconferenze sicure

Meet è stato progettato, sviluppato e distribuito per essere sicuro su larga scala. Da gennaio, abbiamo visto l’utilizzo giornaliero di Meet crescere di 30 volte durante i picchi di utenza. Questo mese, Meet ospita quotidianamente riunioni per un totale di 3 miliardi di minuti e registra circa 3 milioni di nuovi utenti al giorno. E la scorsa settimana gli utenti giornalieri di Meet hanno superato i 100 milioni. Una crescita di questo genere richiede una grande responsabilità. Privacy e sicurezza sono della massima importanza, che si tratti di informazioni sanitarie condivise da medico a paziente, oppure di un incontro confidenziale di lavoro, o ancora di un una riunione familiare o tra amici, o di una laurea o altri eventi.

Leggi anche:  GirlsTech, la giornata a favore delle donne dedite alla scienza contro il tech gender gap

Il nostro approccio alla sicurezza è semplice: rendere qualsiasi soluzione sicura di default. Abbiamo progettato Meet affinché funzioni proprio su una struttura sicura e solida, fornendo tutte le protezioni necessarie per i nostri utenti e i loro dati e per fare in modo che le informazioni rimangano private. Queste sono alcune delle nostre misure di sicurezza:

  • Forniamo un consistente set di controlli host, ad esempio la possibilità di ammettere o negare l’accesso a una riunione e disattivare o rimuovere i partecipanti se necessario.
  • Non permettiamo a utenti anonimi (cioè che non abbiano un account Google) di partecipare alle riunioni create dagli account dei singoli utenti.
  • I codici per partecipare alle riunioni sono complessi di default e quindi resilienti a qualsiasi tentativo di accesso forzato.
  • Le riunioni video su Meet vengono crittografate in tempo reale e tutte le registrazioni archiviate su Google Drive restano criptate.
  • Non si richiede plugin per installare Meet sul web. Funziona interamente su Chrome e altri browser, per questo motivo è meno vulnerabile alle minacce sulla sicurezza.
  • Per i dispositivi mobili l’app Google Meet è disponibile sull’App Store di Apple e sul Play Store di Google.
  • Gli utenti Meet possono registrare il proprio account all’interno del Programma di Protezione Avanzata di Google, il nostro sistema di protezione più efficace a disposizione contro il phishing e il furto di identità
  • Tutti i servizi di Google Cloud sono sottoposti a rigorosi controlli di sicurezza e privacy. Le nostre certificazioni di conformità a livello globale consentono di soddisfare requisiti normativi come GDPR e HIPAA, così come COPPA e FERPA per quanto concerne l’ambito dell’istruzione.
  • I dati degli utenti su Meet non vengono usati per scopi pubblicitari e Google non vende dati degli utenti a terze parti

Operiamo su una rete privata altamente sicura e resiliente che gira intorno alla Terra e connette i nostri data center tra loro – garantendo la sicurezza dei dati. La fiducia si costruisce sulla trasparenza, e per questo pubblichiamo la posizione di tutti i nostri data center.

Leggi anche:  Instagram elimina il pulsante IGTV

Google Meet gratuito per tutti

È possibile usare Meet per pianificare, partecipare o avviare video riunioni sicure con chiunque – che si tratti di una lezione di yoga, di un gruppo di lettura, di un aperitivo con gli amici o di una riunione di quartiere. Fino a oggi Meet era disponibile solo come parte di G Suite, la nostra soluzione per favorire la collaborazione e la produttività nelle aziende, nelle organizzazioni e nelle scuole. Da oggi Meet sarà disponibile gratuitamente sul web su meet.google.com e su mobile tramite l’app per iOS o Android. Chi usa Google Calendar potrà anche partecipare direttamente da lì.

Chi dispone di un account Google (per esempio, chi ha un indirizzo mail @gmail.com), può cominciare da meet.google.com. In caso contrario, è possibile creare gratuitamente e in modo veloce un account Google usando la propria mail personale o di lavoro (questo passaggio è necessario per questioni di sicurezza, e andrà fatto solo la prima volta).

Le riunioni possono durare fino a 60 minuti per tutti gli account gratuiti, ma non metteremo questo limite fino a dopo il 30 settembre. La creazione di uno spazio virtuale per le riunioni che sia davvero sicuro è fondamentale, e per garantire la sicurezza di tutti i partecipanti è necessario prestare attenzione quando si condividono i link alle riunioni su forum pubblici. Per ulteriori suggerimenti su come utilizzare Meet in modo sicuro ed efficace è possibile visitare il nostro Help Center.

Google Meet per gruppi e team di lavoro

Diversi team all’interno delle organizzazioni possono utilizzare Meet per organizzare riunioni video one to one, di gruppo e altro ancora. Per le organizzazioni che non sono clienti G Suite oggi annunciamo una nuova versione chiamata G Suite Essentials. Si tratta di una soluzione ideale per i team che necessitano di accedere alle funzionalità più avanzate di Meet, come i numeri di telefono interni, le riunioni con più partecipanti, la registrazione delle videoconferenze e i controlli di moderazione. G Suite Essentials include anche Google Drive – per un accesso facile e sicuro a tutti i file condivisi – e le applicazioni Documenti, Fogli e Presentazioni – per la creazione di contenuti e la collaborazione in tempo reale.

Leggi anche:  Fluentify, la piattaforma di tutoring online per l’apprendimento delle lingue

Fino al 30 settembre forniremo gratuitamente G Suite Essentials e tutte le funzionalità avanzate. Chi fosse interessato a G Suite Essentials può compilare questo modulo per contattare il nostro team di vendita.

Google Meet per aziende e organizzazioni

Che si tratti di un ospedale che offre un servizio di telemedicina, oppure di una banca che segue le richieste di un prestito, di un negozio che voglia seguire un cliente a distanza oppure di un produttore che deve interagire in sicurezza con i suoi tecnici in magazzino, le aziende di ogni settore utilizzano Meet per rimanere in contatto. Chi fa parte di una delle 6 milioni di aziende e organizzazioni che utilizzano G Suite per garantire la produttività da remoto, ha già accesso a Meet. Gli amministratori devono semplicemente abilitare Meet seguendo le istruzioni descritte nel nostro Help Center. Stiamo facendo del nostro meglio per essere di supporto in questo periodo, per questo motivo abbiamo deciso di fornire tre opzioni ai nostri clienti business, sia futuri che  attuali, per poter accedere a Meet fino al 30 settembre:

  • Accesso gratuito alle funzioni avanzate di Meet, come per esempio la possibilità di trasmettere in live stream fino a 100.000 spettatori, per tutti i clienti G Suite
  • Licenze Meet aggiuntive gratuite per gli attuali clienti G Suite senza alcuna modifica al contratto attuale
  • G Suite Essentials gratuita per i nuovi clienti business.

Google Meet nelle scuole e negli istituti educativi

Oggi molte scuole e università utilizzano Meet per organizzare classi virtuali, riunioni PTA, conferenze genitori-insegnanti, tutoraggio e persino momenti di aggregazione e ludici. Meet è incluso in G Suite for Education, utilizzato già da oltre 120 milioni di studenti e insegnanti in tutto il mondo. Se una scuola utilizza già G Suite for Education, il suo amministratore può abilitare Meet senza costi aggiuntivi. Se la scuola non utilizza la nostra soluzione, è possibile iscriversi qui. Per accedere alle risorse per l’apprendimento a distanza, abbiamo creato Insegna da casa.

Rendendo Meet e G Suite disponibili a tutti da oggi, ci auguriamo che sia più semplice essere connessi e produttivi in modo sicuro, ora come in futuro.