Lifesize, crittografia end-to-end di livello enterprise per tutti

Lifesize, crittografia end-to-end di livello enterprise per tutti
Ascolta l'articolo

Lifesize fornisce a tutti i clienti in abbonamento crittografia e autenticazione end-to-end, sia per i sistemi di sale riunioni che per i partecipanti in cloud

Lifesize annuncia di aver reso disponibile la crittografia end-to-end completa (E2EE) per tutte le chiamate di videoconferenza di gruppo e punto-punto. Si tratta della prima vera soluzione E2EE del settore, sia per i dispositivi di videoconferenza cloud che per i dispositivi per sale riunioni connessi al cloud. Il rilascio, che verrà distribuito automaticamente su base continuativa nel terzo trimestre del 2020, prevede la possibilità per tutti i clienti di Lifesize a livello globale di crittografare end-to-end qualsiasi riunione video utilizzando le applicazioni desktop, mobile o web di Lifesize o la linea di sistemi Lifesize per sale conferenza in 4K.

In risposta alla pandemia di COVID-19, l’adozione della videoconferenza è cresciuta in modo esponenziale: le organizzazioni stanno utilizzando strumenti di comunicazione basati su cloud per facilitare il lavoro remoto e la collaborazione tra team distribuiti, ponendo una nuova attenzione sulle politiche di sicurezza e sulle funzionalità proposte dai fornitori di videoconferenza in cloud. In un post datato aprile 2020, Mike Fasciani, direttore senior della ricerca di Gartner, Inc., ha ribadito l’importanza di salvaguardare la sicurezza delle riunioni basate su cloud: “La sicurezza è sempre stata uno dei punti da considerare  nell’acquisto di una soluzione di videoconferenza di livello aziendale. La recente esposizione alla vulnerabilità della privacy e della sicurezza stessa ha amplificato la consapevolezza in tutte le organizzazioni. I fornitori di servizi nel mercato delle soluzioni video aziendali sono responsabili della sicurezza a livello sistemico della loro piattaforma, della rete e dei dati raccolti dai propri clienti”.

Leggi anche:  Open Fiber entra nell’Avalon Campus di IRIDEOS

Al rilascio di Lifesize E2EE, gli host dei meeting per tutti gli abbonamenti e i piani gratuiti di Lifesize saranno in grado di crittografare in maniera end-to-end i loro flussi audio e video con una chiave condivisa in modo sicuro tra i partecipanti alla riunione. I contenuti multimediali verranno crittografati da ciascun partecipante, rimarranno crittografati durante il trasporto e sui server Lifesize e potranno essere decrittografati solo sui client che dispongono della chiave. Lifesize fornirà inoltre ai clienti la possibilità di gestire le proprie chiavi di crittografia. Quando viene applicato l’E2EE, le registrazioni delle riunioni, i partecipanti alle chiamate PSTN e il supporto per i dispositivi di sala conferenze di terze parti sono automaticamente disabilitati.

“In questo momento critico per la comunicazione video, acquisire semplicemente un IP di sicurezza e adattarlo in modo retroattivo a un’applicazione installata a livello massivo può essere di richiamo, ma rischia in realtà di essere altamente problematica”, ha affermato Bobby Beckmann, Chief Technology Officer di Lifesize. “La sicurezza di tutti i dati dei nostri clienti e delle loro comunicazioni sensibili – indipendentemente dal fatto che utilizzino il nostro servizio a pagamento o gratuito – è sempre stata uno dei principi fondanti della progettazione e della cultura ingegneristica di Lifesize. Fornire la crittografia end-to-end ai clienti in tutto il mondo rafforza il nostro impegno nell’affrontare apertamente le sfide della sicurezza e continuare a innovare, dando priorità alla sicurezza e alla privacy, insieme a usabilità e scalabilità a livello globale”.