Il “gigaleak” di Nintendo rivela i titoli mai usciti su console

Il “gigaleak” di Nintendo rivela i titoli mai usciti su console
Ascolta l'articolo

Emerso nei giorni scorsi un database molto ampio che mostra i videogame che la giapponese ha bocciato prima della pubblicazione

Lo hanno chiamato “gigaleak” il vasto catalogo, compreso di codice sorgente, che interessa una serie di lavori degli anni ’90 che Nintendo avrebbe potuto pubblicare sulle sue console ma che sono finiti nel dimenticatoio. Nel leak sono presenti anche prototipi di giochi che si comportavano in maniera molto diversa rispetto ai prodotti finali. Yoshi’s Island, ad esempio, aveva un’interfaccia, musica e minigiochi diversi, mentre Super Mario Kart differiva per qualche elemento.

Altre curiosità includono opere alternative di Super Mario World e di Zelda 3, così come del titolo che sarebbe diventato Mario Kart 64 e il codice sorgente di Star Fox 2. Quelle rilasciate sembrano informazioni molto accurate: lo sviluppatore di Star Fox 2, Dylan Cuthbert, ha riconosciuto uno strumento di sviluppo personalizzato vecchio di almeno trent’anni.

Una pesante falla

Come si legge online, non è chiaro chi abbia ottenuto l’informazione o come sia stata presa. Il database potrebbe avere decenni, ma è di certo materiale interno. Tuttavia, ciò che è emerso finora potrebbe essere utile come istantanea di un momento importante nella storia di Nintendo e di come il gigante abbia virato verso altre strade nella finalizzazione di molti giochi. Tra i file, c’è una build chiamata “Super Donkey”, che include un personaggio che gli osservatori hanno sottolineato assomigli a Stanley the Bugman di Donkey Kong 3.

Ad ogni modo, gli esperti stanno ancora scavando nel leak e sembra inevitabile che nei prossimi giorni ne emergerà di più. La notizia può essere letta come dannosa per Nintendo, che tradizionalmente ha tenuto i suoi lavori in corso sotto chiave. E infatti la società non ha ancora commentato nulla.

Leggi anche:  LiveForum.space è il primo Centro Congressi Virtuale autorizzato da SIAE in Italia