Italia quinta al mondo per attacchi Android

Italia quinta al mondo per attacchi Android
Ascolta l'articolo

Pubblicati i dati dei laboratori Trend Micro di maggio

L’Italia è il quinto Paese al mondo più colpito da malware Android. Il dato emerge dal report di maggio di Trend Micro Research, la divisione di Trend Micro, leader globale di cybersecurity, specializzata in ricerca&sviluppo e lotta al cybercrime.

Nel mese di maggio sono stati 427.961 i malware progettati specificatamente per il sistema operativo Android, che hanno colpito a livello mondiale, facendo segnare un incremento del 3,6% rispetto al mese di aprile. L’Italia a maggio entra così nella top 5 mondiale, che vede al primo posto il Giappone, seguito da India, Indonesia e Taiwan.

«Il panorama delle minacce è in perenne evoluzione, ma gli attacchi Andoid sono ormai un fenomeno consolidato degli ultimi anni». Ha affermato Lisa Dolcini, Head of Marketing Trend Micro Italia. «È importante che gli utenti adottino sempre un approccio all’utilizzo del dispositivo in tutta sicurezza, proteggendolo con password sicure o adottando software per la gestione delle password, installando app di sicurezza per verificare se i propri dispositivi sono infetti, e soprattutto tenendo un occhio sempre aperto nel valutare le promozioni o i link che potrebbero condurre a truffe o al furto dei dati personali, oltre ovviamente installare applicazioni solo dagli store ufficiali».

I dati degli attacchi diretti ai sistemi Android vengono rilevati attraverso la tecnologia Trend Micro Mobile Application Reputation Services (MARS), un servizio cloud-based che identifica automaticamente le minacce in base al comportamento delle applicazioni, analizzando il codice sottostante e i siti web ai quali si collegano. Confrontando i dati con il patrimonio di informazioni della rete globale Trend Micro Smart Protection Network, questa tecnologia è  in grado di identificare e bloccare quelle applicazioni mobili potenzialmente dannose (sottrazione dati sensibili, banking online, adware etc.) o affamate di risorse (consumo batteria, banda etc.). 

Leggi anche:  La data classification logora… chi non ce l’ha