Samsung sostiene che il 6G potrebbe arrivare nel 2028

Samsung sostiene che il 6G potrebbe arrivare nel 2028
Ascolta l'articolo

Tra un decennio potremmo mettere le mani sul prossimo standard, che consoliderà quanto offerto dal 5G

Ologrammi, realtà aumentata, robot. Sono solo alcuni degli ambiti che il 5G renderà più concreti. Ma c’è già chi guarda oltre, fino al 5G. Samsung si è infatti lasciata andare verso alcune previsioni, che vedrebbero l’arrivo dell’ulteriore standard entro il 2028. Secondo un paper di Samsung Research che parla della prossima esperienza “Hyper-Connected”, la sesta generazione di reti mobili non sarà sul tavolo molto presto, pronta ad essere utilizzata solo tra un decennio.

«Per la prima volta nella storia delle telecomunicazioni, alle menti più brillanti è stato concesso il tempo di pensare a come l’infrastruttura critica, di cui sono responsabili, potrebbe essere di beneficio a lungo termine per tutti. Oltre a garantire che il 5G abbia linee abbastanza chiare di aggiornamento e alternative sia a quelle che alla distribuzione iniziale, potrebbe valer la pena cominciare a considerare l’impatto del 6» si legge.

Un futuro in divenire

Quello che possiamo dire è che con lo switch al nuovissimo network non avremo solo un incremento della velocità disponibile o una latenza minore nelle comunicazioni ma probabilmente il consolidamento di quelle tecnologie che già con il 5G promettono di prendere maggior piede. Parliamo della realtà mista e, in ambito soprattutto IT, del digital twin.

«Abbiamo già lanciato un programma di ricerca e sviluppo sul 6G, basato sull’esperienza e le competenze che abbiamo acquisito lavorando sulle generazioni precedenti, 5G incluso» ha spiegato Samsung Research. Se il 5G è stato sviluppato per raggiungere una velocità di punta pari a 20 Gbps, il 6G sarà in grado di offrire punte di 1000 Gbps. Valori che permetteranno di godere persino di streaming di contenuti a risoluzione 8K, VR a 16K, e di ologrammi ad alta definizione.

Leggi anche:  Da Orange Business Services e De Beers una soluzione di geofencing che migliora la sicurezza dell'equipaggio nei giacimenti offshore