Facebook con Luxottica per i primi smart glass a marchio Ray-Ban

Facebook con Luxottica per i primi smart glass a marchio Ray-Ban
Ascolta l'articolo

Il social ha annunciato la scorsa settimana la partnership per la realizzazione degli occhiali connessi

Facebook ha annunciato mercoledì una partnership con Luxottica, il produttore di Ray-Ban, per rilasciare il suo primo paio di occhiali intelligenti nel 2021. “Dopo aver trascorso del tempo con il loro team e aver visitato la loro fabbrica, sapevo che erano il partner giusto per noi per aiutare a portare la migliore tecnologia insieme ai migliori occhiali”, ha detto il CEO di Facebook Mark Zuckerberg in un live streaming da Facebook Connect, l’evento online focalizzato sui prodotti di realtà virtuale e aumentata. Facebook e Luxottica realizzeranno gli occhiali nell’ambito di una partnership pluriennale.

La collaborazione tra le due società è stata segnalata per la prima volta dalla CNBC lo scorso anno. “Non posso ancora entrare nei dettagli completi del prodotto, ma sono davvero il prossimo passo sulla strada per gli occhiali a realtà aumentata”, ha detto Zuckerberg. “E sono anche molto belli”. Zuckerberg ha anche annunciato che la società prevede di rilasciare Project Aria, un dispositivo di ricerca che la società utilizzerà per apprendere mentre sviluppa i suoi occhiali intelligenti.

Project Aria saranno indossati da dipendenti di Facebook nel campus della società e in pubblico a partire da settembre, ha affermato Andrew “Boz” Bosworth, responsabile hardware di Facebook. Gli occhiali non hanno funzioni di realtà aumentata e non sono in vendita. I dispositivi cattureranno video, audio, rilevamento degli occhi e dati sulla posizione che Facebook potrà utilizzare per aiutare il suo sviluppo di occhiali connessi e AR. I dipendenti saranno sottoposti ad un percorso di formazione prima di procedere con i dovuti test. Prima che i dati raccolti possano essere utilizzati per la ricerca, verranno cancellati i dettagli sensibili identificabili, tra cui i volti delle persone e le targhe dei veicoli.

Leggi anche:  Intel lavora all’IA che riconosce i volti dalle immagini termiche