Motorola Razr ritorna con il nuovo foldable 5G

Motorola Razr ritorna con il nuovo foldable 5G
Ascolta l'articolo

La versione aggiornata del pieghevole della casa è un modello molto più completo e appetibile, allo stesso prezzo del precedente

Che il settore della telefonia mobile stia vivendo tempi di profonda trasformazione è chiaro. I principali produttori sono già alla seconda, anche terza, generazione dei loro progetti pieghevoli e questo in un solo anno, a lasciar intendere quanto l’innovazione corra veloce. Ed è così anche per Lenovo che con la controllata Motorola, ha svelato il Razr 5G, versione aggiornata del foldable a conchiglia presentato oltre un anno fa. La prima declinazione non è mai andata in vendita e, a conti fatti, per fortuna, visto che questo è un successore molto più degno del nome che porta.

Il fulcro è il display esterno da 2,7 pollici sulla parte anteriore, che ora consente di rispondere alle chiamate e ai messaggi senza mai dover aprire il telefono. C’è anche l’accesso immediato a tutte le app preferite come Google Maps, YouTube e Spotify tramite lo schermo più piccolo, che dovrebbe rendere l’utilizzo del Razr molto più ottimizzato. L’altro grande aggiornamento è la presenza del supporto al 5G, una mancanza del 2019.

Come è fatto il Razr 5G

Sotto il cofano gira un processore Snapdragon 765G, al fianco del quale ci sono 256 GB di memoria integrata e un rivestimento che impedisce al pannello di graffiarsi e di sopravvivere a pioggia e liquidi (in modesta quantità ovviamente). La fotocamera principale è singola da 48 megapixel, con la promessa di scattare immagini buone anche in condizioni di scarsa luminosità, anche grazie alla stabilizzazione. Inoltre, la tecnologia laser autofocus aiuta il sensore a mettere rapidamente a fuoco il soggetto. Sula parte esteriore c’è una cam da 20 megapixel per i selfie. Come tutti i telefoni pieghevoli, il nuovo Motorola Razr 5G non è economico ma almeno costa come il precedente: 1.599 euro nei colori Polished Graphite, Liquid Mercury e Blush Gold.

Leggi anche:  Emergenza Covid-19, la robotica scende in campo