Al via è-Book: inventa uno slogan e vinci un anno di università

Al via è-Book: inventa uno slogan e vinci un anno di università
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Parte oggi è-book, il concorso AIE per gli studenti universitari. La sfida? Uno slogan in cinquanta caratteri per la prossima campagna degli editori sul valore dei libri. In palio 5 premi da 2mila euro come contributo alla retta dell’università o duemila euro in libri o ebook. Ecco lo slogan numero 1, di Alessandro Bergonzoni, “Scelgo la mia facoltà mentale e le materie grigie”

Scelgo la mia facoltà mentale e le materie grigie”. E’ con lo slogan di Alessandro Bergonzoni che si apre ufficialmente oggi, 23 aprile, la nuova edizione di è-book, il concorso per gli studenti universitari italiani promosso dall’Associazione Italiana Editori (AIE) con il coinvolgimento di tutto il mondo universitario – Conferenza dei Rettori (CRUI), Consiglio Universitario Nazionale (CUN), Agenzia di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR) – e con il supporto dell’Associazione italiana dei Comunicatori d’Università (AICUN), in occasione del Maggio dei Libri.

Quest’anno la sfida ai ragazzi è diventare i protagonisti di una campagna che gli editori lanceranno, all’ inizio di settembre, nelle università italiane, per valorizzare i libri universitari. I ragazzi dovranno trasformarsi in copy e creare, in cinquanta caratteri, uno slogan sul tema “All’università i libri li compro perché…”, compilando, sul sito www.aie.it, un questionario sull’uso delle tecnologie nello studio e sul loro rapporto con lo studio e i libri universitari.

Il gioco, che parte oggi, è riservato agli studenti universitari dei vari livelli (trienni, bienni, master ecc.), fino a 30 anni compiuti, e si concluderà il 23 maggio. I vincitori saranno resi noti il 14 giugno.

Il concorso mette in palio 5 premi da 2000 euro ciascuno come contributo alle retta universitaria (2012/2013), o duemila euro in libri o ebook. I buoni saranno personali e spendibili in qualsiasi libreria italiana, incluse quelle online.

Un’opportunità per il futuro, se si considera che circa uno studente universitario su quattro (il 23,7% per la precisione, secondo Istat) non legge neanche un libro non scolastico in un anno. E che è ben il 31% dei liberi professionisti, imprenditori, dirigenti e il 33,7% dei quadri direttivi e impiegati a non farlo mai nei dodici mesi precedenti. “Questo concorso – spiega la presidente del Gruppo Accademico professionale di AIE Mirka Daniela Giacoletto Papas – diventa così un’occasione seria per coinvolgere gli studenti universitari e puntare i riflettori proprio sul loro futuro: libro, lettura, apprendimento sono gli strumenti per affrontare la vita, sono il vantaggio competitivo per posizionarsi nel mondo. Sono questi i temi su cui viene chiesta la loro partecipazione e il loro contributo attivo. Di qui la sfida a “lavorare con noi”, in squadra, per inventare lo slogan che sarà alla base di una campagna rivolta ai loro coetanei, nel loro “codice”, da proporre nelle università italiane, per persuaderli a investire sulla loro cultura e utilizzare al meglio quei contenuti necessari allo studio universitario ma indispensabili a creare e consolidare una cultura per la vita”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categorie: Hi-Tech