Exprivia si aggiudica la realizzazione del sistema di diagnostica per immagini della Regione Marche

L’aggiudicazione della commessa a Exprivia conferma il suo ruolo quale fornitore di riferimento nella sanità elettronica ed in particolare nell’ambito della diagnostica per immagini

Exprivia ha firmato con la Regione Marche il contratto per la progettazione e la realizzazione del sistema regionale di diagnostica per immagini.

Il progetto si colloca all’interno di un ampio programma che la Regione Marche sta attuando per potenziare il sistema informativo sanitario e socio-sanitario regionale di cui il network regionale di diagnostica per immagini – la cui realizzazione è stata affidata ad Exprivia – costituisce uno dei principali nodi.

Il contratto prevede la fornitura di un sistema RIS (Radiology Information System) unico a livello regionale e di un sistema di teleconsulto e teleradiologia a servizio delle oltre 40 Strutture tra Ospedali e Presidi Ospedalieri della Regione.

La realizzazione del sistema regionale di diagnostica per immagini consentirà la distribuzione delle bioimmagini e dei relativi referti su tutto il territorio marchigiano, consentendo la fruizione delle informazioni e la corretta alimentazione del Fascicolo Sanitario Elettronico oltre alla “consultazione e refertazione a distanza” con la possibilità di avvalersi di un supporto specialistico e competenze cliniche anche non locali.

Inoltre il sistema prevede lo sviluppo dell’infrastruttura per la rete di emergenza (ad esempio nell’area del trauma) che consentirà di abilitare sul territorio funzioni di teleconsulto neuro-radiologico e neurochirurgico tra centri periferici e centri di riferimento.

Infine, l’accesso strutturato ad un maggior quantitativo di informazioni sulla storia sanitaria del paziente consentirà di realizzare referti più puntuali e precisi con un incremento della qualità in termini di affidabilità, specificità e sensibilità diagnostica.

La commessa è stata aggiudicata per un importo complessivo di 1,3 milioni di Euro e sarà sviluppata nell’arco di tre anni.

Leggi anche:  Con Corvallis, l’innovazione nella PA è possibile

“L’affidamento ad Exprivia di questo contratto così importante e complesso conferma il suo ruolo di primo piano per le soluzioni sanitarie soprattutto in ambito regionale” dichiara Pierfilippo Roggero, Amministratore Delegato di Exprivia. “Il nostro Gruppo, infatti, si è sempre contraddistinto in particolare per l’affidabilità, la flessibilità e l’efficienza nell’erogazione dei servizi oltre che nello sviluppo delle soluzioni più innovative in ambito ospedaliero e regionale; tutto questo è confermato dalla nostra presenza in oltre 250 istituti ospedalieri nazionali ed esteri”.