La sonda Rosetta si risveglia e prepara l’atterraggio su una cometa

La sonda Rosetta dell’Esa ha ripreso il suo cammino verso la cometa 67P/ Churyumov–Gerasimenko con la missione di atterrare sulla sua superficie

Nel 2004 la sonda Rosetta dell’Esa, che ha indetto con il MIT il concorso Zero Robotics poi vinto dagli studenti di un liceo italiano, ha iniziato il suo viaggio verso la cometa 67P/ Churyumov–Gerasimenko per effettuare il primo viaggio su questo tipo di corpo celeste. Nel giugno del 2011 la sonda era stata messa in ibernazione e oggi dopo 957 giorni è tornata operativa e ha ripreso il suo viaggio.

Wake up! Rosetta

Nel corso di 6 anni Rosetta ha percorso 673mila chilometri e ora si appresta ad affrontare la sua sfida più difficile, atterrare su una cometa per studiarne la composizione. Per l’occasione l’Esa, la cui sonda Gaia è stata lanciata per creare una mappa fotografica della Via Lattea, ha indetto il concorso “Wake Up! Rosetta“, in cui ha chiesto ai partecipanti di inviare un videomessaggio in cui spiegano l’importanza della missione della sonda. I migliori 10 filmati saranno inviati direttamente a Rosetta e i loro creatori potranno avere l’opportunità di visitare il centro aerospaziale di Darmstadt in occasione dell’atterraggio della cometa.

Leggi anche:  Samsung presenta il futuro del Connected Living