L’Alto Adige apre ai Bitcoin: si usano persino dal parrucchiere

In Trentino Alto Adige alcuni negozianti permettono di pagare in Bitcoin. Tra questi ci sono: un salone di bellezza, un albergo e uno studio di consulenza finanziaria

Mentre Cina e Ue diffidano dei Bitcoin, ci sono alcuni Paesi che invece li accettano senza colpo ferire. La Security and Exchange Commission (SEC) sta valutando se trasformare le moneta digitale in una valuta vera e propria e a Las Vegas viene ora utilizzata per pagare camere d’albergo e giocare al casinò.

Anche nel Vecchio Continente c’è chi apprezza i Bitcoin. A Cipro ci puoi pagare l’università e in alcuni Paesi scandinavi è possibile ritirarli al bancomat come una qualsiasi moneta corrente. Ora la creazione di Satoshi Nakamoto sembra aver fatto breccia anche in Italia.

L’alto Adige accetta i Bitcoin

In Trentino Alto Adige, il cui capoluogo Trento è la città migliore in cui vivere secondo il Sole24Ore, sono moltissimi i negozianti che espongono il cartello “Qui si accettano Bitcoin”. A Cavalese (TN) un salone di bellezza permette di pagare la messa in piega con la moneta digitale. In una pensione di Renon (BZ) è possibile fare la stessa cosa per le camere mentre a Merano (BZ) è uno studio di consulenza finanziaria ad accettare i Bitcoin.

Leggi anche:  Passepartout, l'imperativo è non fermarsi