Un passo indietro per gli USA, sarà una governance globale a gestire il web

Gli Stati Uniti annunciano che ridurranno il proprio controllo sull’ICANN, l’ente che gestisce i domini web

Lo scandalo Datagate, di cui hya ampiamente discusso il whistelblower Edward Snowden alla SXSW, sta per rivoluzionare Internet così come è stato fino ad oggi. Gli Stati Uniti potrebbero assumere un ruolo meno centrale nella gestione dell’ICANN in favore di una governance globale del web, come da tempo sta chiedendo l’Ue. Il Dipartimento del Commercio USA ha confermato che convocherà le grandi autorità del web per decidere sulla questione. “È arrivato il momento di avviare un processo di transizione”, ha dichiarato il segretario aggiunto Lawrence Strickling.

Come cambierà Internet

L’ICANN continuerà a gestire i domini globali ma gli Stati Uniti ridurranno il loro contributo a questo processo. “Stiamo invitando governo, settore privato, società civile e altre organizzazioni Internet a unirsi a noi nella gestione di questa transizione”, ha spiegato Fadi Chehade, AD dell’agenzia no profit. Recentemente diverse personalità della Rete, come il numero uno di Facebook Mark Zuckerberg e il creatore del WWW Tim Berners-Lee, si erano espressi a favore di un Internet gestito da tutti e meno controllato dagli USA. Alcuni invece temono che una liberalizzazione della governance di Internet possa al contrario favorire la censura. Un maggiore peso decisionale per Paesi come Russia e Cina potrebbero limitare la libertà dei netizen.

Leggi anche:  EOLO Missione Comune: il 2019 si chiude con 80 vincitori