Digital Dictionary, la start up che fa ordine nel marketing digitale

Alla scoperta di una start up tecnologica fondata a Milano a fine 2013, attiva nel settore del marketing digitale con una doppia anima:un’associazione non profit orientata alla ricerca e una società innovativa rivolta al business

“Cambiamento ordinato” si legge nel logo di Digital Dictionary, una start up innovativa fondata a Milano a dicembre 2013 da dieci soci. Al termine della prima fase di vita, cioè dei primi sei mesi in cui la società si è strutturata e ha iniziato a offrire i propri servizi, il significato dell’operazione lo spiega a Data Manager il CEO Andrea Cioffi, un passato (e un presente) nella consulenza e nella docenza in Economia Aziendale presso l’Università Cattolica di Milano: «Abbiamo fondato Digital Dictionary partendo dalla constatazione dei continui e poco prevedibili cambiamenti nel mercato digitale, che rendono difficile individuare i fornitori adatti a chi in azienda si occupa di marketing digitale. In uno scenario in cui troppi si improvvisano esperti di digital marketing, non è oggettivamente facile individuare un’offerta di qualità, e che soprattutto sia in grado di rispondere alle esigenze desiderate». È per questo che Digital Dictionary intende contrapporre «ad un approccio disordinato, dovuto alla mancanza di tempo e all’evoluzione frenetica degli scenari, il cambiamento ordinato di un outsourcing nel marketing digitale», prosegue Cioffi, sottolineando come il nome stesso della start up intenda richiamare questo concetto: «Come il dizionario è un organizzatore di parole, la nostra idea è quella di mettere ordine nel vasto insieme di idee, dati, informazioni e conoscenze, per supportare la competitività delle aziende attraverso un posizionamento efficace nel digitale».

La doppia anima

Ma come opera in concreto Digital Dictionary? Sostanzialmente attraverso due dimensioni distinte ma collegate: da una parte, l’associazione non profit Digital Dictionary, che, si legge nel loro sito, “ha lo scopo di generare conoscenza innovativa e costantemente aggiornata per fornire continui punti di riferimento in un settore a forte evoluzione come quello del marketing digitale”, grazie anche ai collegamenti con il mondo universitario, a partire dallo stesso CEO Andrea Cioffi. Dall’altra parte vi è la dimensione orientata al business, gestita da Digital Dictionary Servizi srl, che, basandosi sul know how generato dall’associazione non profit, sviluppa soluzioni innovative a supporto delle imprese che intendono competere con successo nell’arena digitale.

Leggi anche:  Motus Operandi la startup dal cuore italiano che grazie all’IA pilota i robot nelle fabbriche di mezzo mondo

Valutare i fornitori

Digital Dictionary si propone al mercato con diversi servizi, che sono a disposizione dei soci dell’associazione non profit a prezzi più vantaggiosi. «Uno dei servizi più noti è il DMP-I (Digital Marketing Player-Index), un database online dei player del marketing digitale in Italia, catalogati per servizi offerti e geolocalizzati», spiega Cioffi. I fornitori di servizi di marketing digitale vengono anche qualificati nel database mediante due score: da una parte, il “DMP-I social reach”, uno score di notorietà digitale, che misura il grado di conoscenza in Rete di un brand o prodotto; dall’altra parte, la certificazione “Digital Alignment”, su base volontaria (disponibile dal 2015), sugli aspetti di qualità dell’azione professionale di player operanti nell’ambito del marketing digitale.

L’utilità di questo servizio, secondo Cioffi, nasce dalla consapevolezza che «il 99% delle aziende italiane, se si escludono quelle di maggiori dimensioni, non dispone di molti strumenti per comprendere chi è veramente un fornitore valido nell’ambito del marketing digitale». Infatti, con il DSC (Digital Strategy Check), Digital Dictionary supporta le aziende che, individuati dei possibili fornitori, si trovano nella difficoltà di dover scegliere la migliore tra differenti proposte. DD valuta tali proposte attraverso una metodologia scientifica e genera un report, non vincolante, sull’efficacia della strategia più adatta.
Un ulteriore servizio in evidenza è il DR (Digital Refresh), momento dedicato alle aziende che vogliono essere periodicamente aggiornate sulle novità del mondo del digitale, con informazioni di carattere generale e con notizie relative specificatamente al loro settore.