Casaleggio: “I giornali spariranno nel 2027”

Casaleggio:

Gianroberto Casaleggio, il guru del Movimento 5 Stelle, è convinto che i giornali in Italia spariranno entro il 2027 e 13 anni dopo in tutto il mondo

Il guru del Movimento 5 Stelle Gianroberto Casaleggio ha diffuso online una nuova profezia. Secondo il braccio destro di Beppe Grillo, i giornali avranno vita breve e nel post sul sito del comico genovese intitolato “Press Obituary” (Necrologio alla stampa) afferma che entro il 2040 in tutto il mondo non sarà più stampato un quotidiano.

Casaleggio: “Il giornale è morto, solo i giornalisti non lo sanno”

Casaleggio, basandosi sui dati Futureexploration.net, è convinto la fine dei giornali è inevitabile “gli unici che non lo sanno ancora sono i giornalisti”. Si tratterebbe solo di stabilire “la date del decesso che da Stato a Stato varia tra i 5 e i 10 anni”. Gli Stati Uniti saranno i primi a eliminare i quotidiani cartacei nel 2017, seguiti dall’Italia nel 2027 e dal resto del mondo nel 2040. “Stampare giornali o investirci oggi – continua Casaleggio –equivale a studiare da maniscalco al tempo in cui Henry Ford lanciava la Ford T”.

Furureexploration

Sebbene sia innegabile che il mondo dei media tradizionali stia vivendo un momento di crisi profonda, arrivare a dire che i giornali spariranno tra una decina di anni sembra piuttosto azzardato. Grandi aziende come Facebook e Twitter stanno investendo milioni di dollari per portare agli utenti news e informazione. A volte i media più vecchi non spariscono ma semplicemente si evolvono e trovano una nuova dimensione. Si pensava ad esempio che la televisione avrebbe ucciso la radio ma così non è stato. Il passaggio dalla carta al digitale sembra quindi scontato ma i tempi dettati da Casaleggio sembrano fin troppo ristretti.

Leggi anche:  Biennale Tecnologia: annunciato il programma della rassegna del Politecnico di Torino su tecnologia e società