Nuovamacut migliora l’eccellenza

Volare sull’acqua alla massima velocità con un catamarano, spinti solo dalla forza del vento, richiede abilità, esperienza e il supporto di una collaborazione eccellente, come quella tecnologica nata tra Luna Rossa Challenge e Nuovamacut

Nuovamacut Live

All’appuntamento annuale di Nuovamacut per clienti e partner, presso il Palazzo dei Congressi di Bologna, gli onori di casa sono stati fatti congiuntamente da Sauro Lamberti, amministratore delegato di Nuovamacut e da Federico Leproux, CEO della capogruppo TeamSystem.

“La rotta giusta si mantiene, come ci suggeriscono i nostri amici di Luna Rossa – ha spiegato Lamberti – lavorando insieme per vincere nuove sfide e collaborando per raggiungere nuovi traguardi”.

I risultati conseguiti dalla società, che per il 2014 mostra un aumento del fatturato del 12%, rispetto alla contrazione del -0,6% a livello nazionale nel mercato di riferimento, costituito dalle componenti CAD, CAE, CPDM e CAM, sono stati presentate insieme alle valutazioni ricevute in termini di efficienza e preparazione nelle attività di supporto.

“A fronte delle aspettative dei nostri clienti – ha sottolineato Lamberti – quest’anno il punteggio che abbiamo ottenuto è passato dal livello di soddisfazione 8,5 a 8,8 su 10. Un miglioramento analogo ci è stato confermato anche dalle analisi fatte da SolidWorks, che ci ha visto passare da 94 a 100 su 100”.

Navigazione sicura

Sempre mantenendo il linguaggio marinaresco, Lamberti ha descritto come Nuovamacut intende approdare alle mete che si è posta per i prossimi anni.

“Alla nostra comunità allargata vogliamo offrire formazione sempre migliorata, con l’aggiunta di un’Academy, rivolta a dieci candidati, che formeranno un nuovo team di supporto. Inoltre – ha proseguito Lamberti – stiamo rinnovando il sito e focalizziamo i nostri sforzi sull’innovazione, per offrire il massimo ritorno sugli investimenti dei nostri clienti”.

Leggi anche:  Fastweb acquisisce il 70% della società 7Layer

In questa strategia rientra anche il rapporto sempre più stretto con SolidWorks, certificato dalla presenza diretta di Gian Paolo Bassi, vice president R&D della società americana.

Dopo l’introduzione delle novità portate a SolidWorks 2015, come nelle precedenti manifestazioni, Bassi ha tracciato un quadro, molto approfondito ed estremamente stimolante, dei principali megatrend di mercato. Inoltre ha presentato le linee guida per i futuri sviluppi, influenzati della convergenza ormai effettiva tra mobilità e cloud, ma anche dall’affermarsi delle nuove tecnologie di stampa 3D, che sostituiscono il paradigma della lavorazione per sottrazione di materiale con quella della produzione per apporti successivi e permettono la creazione istantanea di nuove leghe.

Vasto orizzonte

Successivamente, ampio spazio è stato dedicato a Luna Rossa Challenge, nella persona di Matteo Plazzi quale operations manager, che ha illustrato le soluzioni tecnologiche all’avanguardia ottenute nella progettazione di parti essenziali dello scafo, tramite l’impiego di SolidWorks e con il supporto di Nuovamacut.

È stato poi ampliato l’orizzonte delle esperienze, portate dalla testimonianza di alcune società clienti, quali F.lli Righini, attiva nella produzione di apparati per impianti oil and gas offshore, Alstom Power Italia, impegnata nell’elettronica di sicurezza per i trasporti, Ghibson Italia, produttrice di valvole a farfalla per pipeline industriali, e NCS Lab, con l’innovativo Progetto nCycle.

Da ultimo, come sempre, la passerella d’onore è stata dedicata a una scuola, l’ITI Leonardo da Vinci di Carpi e il suo Team ZeroC, che partecipa da anni con successo alla Shell Eco Marathon.