Apple e la non rivoluzione di iOS 9

Il prossimo aggiornamento sarà importante ma non fondamentale visto che potrà essere installato anche su iPhone e iPad più datati

Stando alle ultime notizie, Apple presenterà iOS 9 a giugno durante l’evento WWDC 2015 per poi renderlo disponibile a settembre come da consuetudine. Quello che sorprende è che gli esperti, soprattutto quelli vicini all’azienda, sono certi che non si tratterà di una vera rivoluzione dal lato software tanto che l’update potrà essere installato anche su dispositivi più vecchi come l’iPhone 4S e il primo iPad Mini. Di mezzo ci si è messo anche 9to5Mac, un’autorità in quanto a notizie su Apple, che ha scritto della volontà degli ingegneri di Cupertino di pubblicare un aggiornamento nel 2015 che possa essere un ponte di lancio per iOS 10, ovvero il vero punto di svolta dell’azienda, quello che dovrebbe consacrare in toto Apple come azienda di punta non solo nel campo di smartphone e tablet ma anche wearable e domotica.

Cosa comporta il rinnovato supporto

C’è da dire che ogni nuova versione di iOS supporta anche telefoni oramai sulla via del declino tuttavia senza assicurare quella stabilità e completezza nelle funzioni presenti sui modelli più attuali. Ad esempio l’iPhone 4 è diventato un device quasi inutilizzabile dopo l’upgrade da iOS 6 a iOS 7 e solo dpo un primo rollout l’iPhone 4S è tornato a rispondere correttamente quando si è visto recapitare iOS 8. Un certo cambio di marcia, con l’ottimizzazione di iOS 9 per sistemi meno potenti dal punto di vista hardware, potrebbe essere un bene perché permetterà ai clienti di volgersi ancora a prodotti che avrebbero rischiato la scomparsa, come l’iPhone 5 e il 5C oppure la terza versione dell’iPad oramai caduto nell’oblio per “colpa” del display Retina degli ultimi tablet. Questo vuol dire anche un lavoro extra per gli sviluppatori che torneranno a progettare soluzioni per schermi più piccoli di 4 pollici visto che quello dell’iPhone 4S ne misura 3,5; un limite oramai appurato per gli occhi di tutti, non solo dei meno giovani.

Leggi anche:  L'AI al servizio della ricerca medico-scientifica: Microsoft lancia AI for Health