Microsoft prepara Cortana per Android

L’assistente vocale approderà presto su piattaforma Google per poi sbarcare anche su iPhone e iPad

Nella dura lotta tra i migliori assistenti vocali per smartphone Cortana, partito per ultimo, sta velocemente prendendo piede con l’obiettivo di popolare la maggior parte dei dispositivi connessi alla rete. Il progetto di Microsoft si basa sul machine learning ovvero sul miglioramento dell’algoritmo come conseguenza dell’utilizzo da parte delle persone; quindi più utenti lo usano più diventerà preciso e corretto, ampliando le proprie conoscenze. Per questo Microsoft ha intenzione di portare Cortana oltre i lidi di Windows, spingendosi fino alle coste rivali di Android e iOS  che non sembrano avere altra scelta che permettere la colonizzazione di Redmond.

Il lancio entro il 2015

Joe Belfiore, a capo del Gruppo Sistemi Operativi di Microsoft ha svelato l’app di Cortana per Google e Apple in arrivo su Play Store e App Store entro la fine dell’anno. In realtà lo chiamiamo Cortana ma ha un nome tutto suo, Office Now, che da proprio la sensazione dell’assistente che aiuta a fare cose più che a raccontare barzellette e pronosticare il risultato dei match sportivi; per questo Office Now sarà più un competitor di Google Now che di Siri su iPhone. Nello specifico potrà fornire uno sguardo sulla giornata che ci aspetta, con impegni e riunioni, fornire informazioni sul traffico e tempi di percorrenza, dare una sintesi della giornata con il tempo trascorso per portare a termine un compito, l’elenco di tutte le chiamate perse ed sms non risposti e così via. Insomma un’assistente che all’occorrenza può trasformarsi in un personal trainer o motivatore. Da disattivare nei weekend.

Leggi anche:  ERP, la scelta full-cloud di Vaber