Spotify è maturo: arrivano video e Running

Importante annuncio ieri per la piattaforma musicale più calda degli ultimi mesi: NBC, TED e Vice pronti a salire sul carro

Spotify è pronta per il grande salto. Dopo aver consolidato la leadership come servizio di streaming musicale più in voga del momento e in attesa di conoscere come sarà il nuovo iTunes con Beats Music, la piattaforma accoglie nuovi contenuti multimediali sotto forma di video. Nel corso di una conferenza che si è tenuta ieri a New York, il team ha annunciato l’ingresso nel nuovo business supportato da diversi operatori del settore come la rete NBC, TED, la BBC, ABC, Slate, Vice e molti altri.

Le canzoni prendono vita

L’intento è quello di ampliare l’offerta sia sulla versione desktop che mobile ma senza allargare troppo le maglie dei contenuti forniti. Secondo l’azienda infatti i video disponibili anche su smartphone e tablet, nello spazio ora dedicato alla copertina del brano in riproduzione, saranno comunque collegati all’ambito musicale. Si potrà trattare dunque di clip delle canzoni, live, backstage o making of degli artisti più famosi e, perché no, anche di talent del settore con cui Spotify potrà stringere accordi (se non lo ha già fatto negli USA).

Correndo a suon di musica

La seconda novità della giornata è Running, la musica che segue il ritmo del corpo. Si tratta di un menu dove trovare playlist create apposta per chi ama fare sport con un paio di cuffie indosso. La particolarità è che si tratta di liste con canzoni originali, tra cui una del DJ Tiesto, e che si adattano al ritmo di chi corre, scegliendo il brano migliore per ogni andatura. Per farlo Spotify si affiderà all’esperienza di Nike e RunKeeper nel settore, probabilmente integrando il supporto ai wearable visto che da sé lo smartphone non può fornire informazioni del genere se non attraverso il sensore di battito cardiaco che però richiederebbe di essere premuto in continuo durante il movimento; poco intelligente e per nulla funzionale.

Leggi anche:  Bosch Rexroth risponde alle 5 domande sull’Industrial IoT