Firmato l’accordo commerciale tra Armundia Group e Imani Prima per il sud-est asiatico

Armundia Group ha sottoscritto con Imani Prima l’accordo commerciale per la distribuzione delle piattaforme Armundia nei paesi indonesiani. Con questa partnership il piano di internazionalizzazione di Armundia Group muove un altro tassello e porta l’eccellenza italiana nel sud-est asiatico

 

Armundia Group ha sottoscritto con Imani Prima l’accordo commerciale per la distribuzione delle piattaforme Armundia nei paesi indonesiani. Con questa partnership il piano di internazionalizzazione di Armundia Group muove un altro tassello e  porta l’eccellenza italiana nel sud-est asiatico.

“Siamo orgogliosi di collaborare con un player di riconosciuta fama e solidità come Imani Prima  – dichiara Gianluca Berghella, Presidente e CEO di Armundia Group. Questo accordo ci permetterà in pochi mesi di avere basi stabili nei mercati emergenti del sud-est asiatico e di muovere un tassello importante del nostro ambizioso piano di espansione internazionale. A meno di un anno dall’avvio del piano siamo già presenti, nelle varie attività e con diverse soluzioni, in Italia, Irlanda, Lussemburgo, Svizzera, Slovacchia, Arabia Saudita e Indonesia”.

Attraverso l’accordo con Imani Prima saranno commercializzati tutti gli applicativi di Armundia Group nella versione light, per far fronte al differente livello di complessità che si registra nel settore finanziario e assicurativo dei mercati extra Unione Europea. Le piattaforme saranno successivamente soggette ad una sofisticazione graduale che porterà da una entry level ad una versione full, per la copertura completa dei processi di business.

“Per noi è motivo di grande pregio portare nel nostro territorio un’esperienza europea così innovativa come quella di Armundia Group – dichiara Taqwa Fuadi, CEO di Imani Prima. Riteniamo che la distribuzione di soluzioni tecnologiche all’avanguardia  sarà strategica per moltissime realtà bancarie, assicurative e finanziare della regione asiatica sud-orientale”.

Leggi anche:  Questo è il momento per ripensare lo spazio di lavoro digitale