WhatsApp salva i dati delle tue chiamate vocali

whatsapp crittografia

Uno studio ha dimostrato che WhatsApp salva molti dati degli utenti relativi alle chiamate VoiP, compresi i numeri di telefono

Quando WhatsApp ha introdotto le chiamate vocali VoiP, molti utenti sono stati ben felici del nuovo servizio ma a quanto pare l’app di messaggistica ha approfittato della loro buona fede. Uno studio dell’Università di Brno (Repubblica Ceca) e di New Haven (USA) ha dimostrato che la piattaforma di proprietà di Facebook conserva molti dati sulle telefonate degli utenti a loro insaputa.

Attraverso una ricerca sui metodi di cryptaggio utilizzati dall’app di WhatsApp su Android (Opus codec per il VoiP e FunXMMP per le chaat) gli scienziati hanno scoperto che l’app di messaggistica conserva nei propri server numeri di telefono, durata della chiamata, data e ora. In sostanza, il servizio creato da Jan Koum si appropria di questi dati esattamente come fanno gli operatori telefonici ma in più immagazzina anche gli indirizzi IP degli utenti, in quanto le chiamate vocali avvengono tramite web. Il prossimo passo sarà verificare se la stessa cosa avviene anche su iOS ma nel frattempo la fiducia degli utenti verso la più celebre chat al mondo, che ha superato i 900 milioni di utenti e potrebbe lanciare il tasto mi piace, è certamente venuta meno.

“Decifrare il traffico di rete non è semplice, è infatti necessario il totale accesso ai dati del dispositivo, così come il traffico di rete completo”, ha spiegato uno dei ricercatori.

Leggi anche:  Il 58% degli italiani diffida dei servizi online che subiscono una violazione dei dati