Il “salto quantico” di QSL Italia avviene a Carimate

vincenzo todisco_qsl

Ambientato nella splendida cornice del castello di Carimate, l’evento organizzato da QSL Italia è un’occasione per avvicinare tra loro mondi apparentemente distanti, come le psicologia e il software

Vibrando alla frequenza specifica di quello che si desidera, lo si ottiene. Siamo noi i creatori della nostra realtà. Queste sono solo due delle sorprendenti affermazioni di guru ed esperti di varia estrazione citate nel corso dell’evento Quantum Leap, organizzato da QSL Italia. «E’ la mente umana che genera il software – è il commento introduttivo di Vincenzo Todisco, CEO dell’azienda -, quindi gli errori che commette il software sono in realtà commessi prima dalla mente che l’ha concepito». Da quanto detto, si deduce che esiste una stretta correlazione tra la mente e il software e che occorre voler cambiare le cose in prima persona perché cambino davvero. Le modifiche che vogliamo introdurre nella nostra cognizione o, meglio, nel nostro modello del mondo vanno fatte nel “linguaggio dei neuroni”, che consiste in messaggi “al presente” e “positivi”: questo è un altro concetto introdotto da un video proiettato durante l’evento e realizzato da un noto giornalista ed esperto di psicologia quantistica, Alberto Lori. Tutto ciò per introdurre la presentazione della suite Quick-Software-Line, ideata dalla francese Trader’s, che ha dato vita al QSL Group per distribuire nel mondo le proprie soluzioni, specializzate nell’alta disponibilità (suite Quick-Edd) e nella stampa e gestione documentale su sistemi IBM Power i, iSeries, System i e As/400 (suite Quick-Doc).

Dalla Francia al mondo

La nascita di Trader’s risale al 1992 e oggi è una realtà consolidata, con oltre 2mila 400 clienti, circa 6 sedi più la centrale a Parigi, per una presenza diretta in diversi paesi del mondo, tra cui l’Italia, in cui ha aperto nel 2004 e da cui oggi dipendono anche la Spagna e il Sud America, con clienti già attivi in Colombia, Ecuador, Cile e Argentina. Un’altra area fondamentale di intervento di QSL è quella della sicurezza, ovviamente legata all’alta disponibilità e fruibilità: «Sono 11 anni che lavoriamo nella Business Continuity», conferma Todisco. Entrando nello specifico dell’offerta QSL, si possono individuare diversi prodotti, appartenenti alle suite di cui abbiamo parlato. Innanzi tutto, nella suite Quick-Doc: Quick-Spool (un gestore di spool per IBM i), Quick-Press (impaginazione grafica degli spool su IBM i), Quick-Archiv (gestione e archiviazione degli spool) e Quick-Office (estrazione dati da Db2 e combinazione con documenti Word, creazione di email dinamiche o documenti specifici su IBM i). Nella suite Quick-Edd di sicurezza, invece: Quick-Edd/Ha e Quick-Edd/Open (rispettivamente, replica in tempo reale da uno o più IBM i di produzione a uno o più di soccorso e lo stesso per il mondo fuori da IBM i), Quick-Edd/Dr (replica dati bidirezionale tra due server IBM i), Quick-SmartData (lettura dei dati in real-time, replica, trasformazione e invio per accelerare le risposte alle esigenze di business) e, infine, Quick-Csi (una soluzione di controllo e audit per mettere in sicurezza e conformità alle regole di auditing, tracciabilità e protezione dei dati i sistemi IBM i). «Ognuno di noi può risolvere, con orgoglio e onore, anche i problemi che non ha creato», ha spiegato Sebastiano Todero, “mentalista”, nel corso del proprio intervento. «I risultati che otteniamo nella nostra attività non sono legati tanto a quello che ci accade – ha concluso Todisco -, quanto al modo in cui noi lo percepiamo».

Leggi anche:  SAP e Unieuro, omnicanalità integrata e accesso ai dati in tempo reale