Facebook batte tutti: è l’app più usata del 2015

Facebook introduce il contatore per il tempo trascorso online
Facebook permette di sapere quanto tempo passiamo tra post e video per evitare di abusare del servizio

Secondo una classifica di Nielsen (riferita agli USA) il social di Zuckerberg è sempre il preferito. Il futuro è nella AI

Un 2015 da record per Mark Zuckerberg, conclusosi con la nascita della figlia poco meno di un mese fa. Secondo una classifica di Nielsen, con quasi 127 milioni di utenti unici al mese, e un tasso di crescita del +8% in un anno, Facebook è l’applicazione più utilizzata dagli americani, e scommetteremmo non solo da loro. Subito dietro la concorrenza di Google con YouTube, con oltre 97 milioni di utenti e il +5% rispetto al 2014; chiude il podio Messenger, altra scommessa vinta da Mr. Zuck, che rappresenta l’app con la crescità più rapida: +31% dal “distacco” da Facebook e la disponibilità come applicazione a sé. Interessante considerare i numeri di Instagram, parte dell’universo Facebook: ottava nella classifica Nielsen ma in rapida ascesa (+23% annuale).

Il futuro nella AI

Viviamo in anni di passaggio. Già nel 2016, tra auto connesse, indossabili più intelligenti e presenze robotiche nelle città, potremmo sperimentare la vera essenza dell’intelligenza artificiale nella tecnologia di consumo. Stando a quanto previsto da Ericsson nel ConsumerLab delle tendenze 2016, entro i prossimi cinque anni l’AI non solo migliorerà l’interazione dell’uomo con l’hi-tech ma renderà quest’ultimo meno invadente dal punto di vista hardware, fino a quasi scomparire in favore di dispositivi molto più piccoli, magari indossabili, in grado di portare le stesse (se non migliori) funzionalità degli odierni smartphone, tablet. Tornando alla società di ricerca Nielsen, è anche cresciuto il numero dei terminali mobili posseduti dagli americani: +80% a fine settembre, con una preferenza di Android (53%) su iOS (43%), molto più indietro Windows Phone (3%) e BlackBerry (0,7%).

Leggi anche:  Gruppo Project presenta il primo bilancio di sostenibilità