Le startup stanno per conquistare la Reggia di Caserta

Nei giorni 8-10 aprile si svolgerà il primo Startup Weekend Caserta

Dall’8 al 10 aprile 2016 si terrà presso la Reggia di Caserta lo “Startup weekend Caserta”, la più grande startup competition al mondo, divenuta un punto di riferimento per chi vuole fare impresa.

L’evento è una maratona creativa di 54 ore basata sul lavoro di gruppo e la condivisione di competenze ed esperienze, con il fine di sviluppare un’idea di impresa in soli 3 giorni. Aspiranti imprenditori, sviluppatori, designer e progettisti avranno l’opportunità di condividere idee, formare team e lanciare una startup.

L’iniziativa, organizzata dalla startup Boosha srls, è promossa da un ampio partenariato tra cui figurano Confindustria Caserta, la Seconda Università degli Studi di Napoli e Sviluppo Campania.

Per maggiori informazioni visita il sito o la pagina Facebook

Ne abbiamo parlato con gli organizzatori: Giovanni Laffi e Mario di Girolamo.

Qual è la genesi dell’evento?

Un territorio fertile con molto potenziale inespresso, la voglia di incanalare queste energie e dare un’opportunità. L’idea di replicare a Caserta un format di portata mondiale. Da lì un appello a tutte le entità più importanti sul territorio che hanno risposto senza esitazione, ognuna contribuendo con i propri mezzi. È grazie a loro e grazie agli sponsors che abbiamo potuto dare forma allo Startup Weekend Caserta. Il nostro ruolo, come Team, è quello di coordinare e valorizzare ciò che ognuno ha reputato importante dare alla realizzazione dell’evento.

Ci sarà un tema particolare su cui lavorare?

L’evento è open, questo significa che si potrà proporre qualsiasi tipo di idea, starà poi ai partecipanti stessi scegliere le idee migliori su cui lavorare. Tramite le nostre partnerships abbiamo identificato dei temi caldi, che verranno annunciati all’apertura dell’evento. Su tali temi ci saranno delle possibilità di sviluppo extra. Non vogliamo però focalizzare l’attenzione su delle specificità, ma preferiamo che i ragazzi arrivino portando le proprie idee senza farsi suggestionare da annunci pre-evento. Come ho già specificato, si tratta di “extra” e non di corsie preferenziali, tutti i gruppi lavoreranno e concorreranno alla pari.

Leggi anche:  Le Marche che innovano si raccontano a Smau

Chi saranno i mentor?

Il team di coaches e mentors è formato da professionisti provenienti da tutta Italia, dal Portogallo e da Londra. Ne faranno parte, infatti, la docente di Marketing Teresa Dieguez specializzata in Strategia e Imprenditoria; la dott.ssa Iscaro, già mentor per lo Startup Lab e docente di Knowledge Management; Il dott. Matricano, cultore della materie Marketing e Tecniche di Comunicazione, Economia e Gestione delle Imprese e Creazione di Impresa; Alice Soru, responsabile del programma di accelerazione dell’Opencampus di Tiscali con sede a Cagliari; Giuseppe Natella, specializzato in Imprenditoria e fondatore di StartupBus Italia, lavora a Londra per iStarter; Giuseppe D’Aniello, Delivery Manager in Innovitslab LTD, società che si occupa di progetti di open innovation e consulenza strategica, e cofondatore di Artrooms Srl; Paky Russo, già coach di Wind Business Factor e Startup Weekend Foggia, è il CEO di Spotonway.

Quanto è importante portare l’innovazione all’intero della Reggia di Caserta?

In quanto simbolo della nostra città, è innanzitutto un onore poter essere ospitati nella Reggia. Ci sono diversi spot nella nostra provincia che offrono rifugio a tanti ragazzi che hanno il desiderio di cavalcare l’onda dell’innovazione, ma lo svolgimento dello Startup Weekend all’interno del Palazzo Reale rappresenta un’iniziazione di tutto il territorio a un mondo, come quello delle startup, in crescita esponenziale; è importante perché rappresenta la conferma della nascita di un network forte e tenace, pronto a sostenere i suoi cittadini. La Reggia di Caserta è stata e continua ad essere la cornice di tanti eventi importanti dal punto di vista culturale e storico, proveremo anche noi a lasciare una eco che affianchi quella delle spade laser di Star Wars.

Leggi anche:  Ricerca e innovazione: la Campania protagonista a Smau

Voi siete startuppers (Founders di Boosha), perchè invece di dedicarvi al vs business avete deciso di organizzare un SW?

Perché da startuppers, Startup Weekend Caserta, è l’evento a cui avremmo voluto partecipare nella nostra città. Invece ne abbiamo preso parte in Spagna e nella nostra Puglia. Capendo che è molto più di una “3 giorni” e che anche Caserta doveva poter offrire questa maratona creativa ai suoi aspiranti imprenditori. Il nostro business è sempre lì e siamo fortemente convinti che anch’esso potrà trarre giovamento da questo evento. Alla base di tutto vediamo il networking come tappa fissa dell’Innovazione e Startup Weekend ne è l’emblema.

Quali sono le cose che i partecipanti potranno imparare?

L’obiettivo della venue è la creazione di un “elevator pitch” e la produzione di un MVP da presentare alla giuria finale. I partecipanti, accompagnati da mentor e coach, apprenderanno gli strumenti per la creazione di una strategia e per lo sviluppo di un prodotto concreto (prototipazione/programmazione software, app, studio grafica, business plan, marketing). Questo è quanto potranno apprendere dal lato “tecnico”, ma non dimentichiamo che i partecipanti avranno possibilità di confrontarsi con investitori, startupper seriali ed esperti del settore. Questo gli darà la possibilità di accrescere il loro network e apprendere “How to act in a competitive life”, skills che normalmente si apprendono dall’esperienza e non dai libri di testo.