SDA Bocconi e Accenture, l’Academy dove nascono i nuovi CIO

«Un’academy per talenti IT, per chi crede in una digitalizzazione utile, possibile e sostenibile». Ce la descrive così, Paolo Pasini, direttore Unit Sistemi Informativi di SDA Bocconi School of Management, che, insieme a Giuseppe Gorla (head technology consulting di Accenture), si occuperà della direzione scientifica del corso.

Un’academy pensata per chi ha l’obiettivo di acquisire in poco tempo la capacità di guidare gli impatti sistemici delle tecnologie digitali, la conoscenza delle metodologie e degli strumenti per gestire o per collaborare ai progetti di digitalizzazione e per operare in una funzione IT nell’era digitale. I nuovi scenari competitivi, la crescente digitalizzazione delle imprese e la disponibilità di nuove tecnologie obbligano le aziende ad accelerare i propri processi e a rivedere le proprie logiche di funzionamento. Se l’IT è il motore di tale trasformazione, i CIO del futuro devono immaginare nuove modalità di allineamento non sequenziale ma reciproco con l’azienda stessa, attraverso strumenti e metodi capaci di creare valore. Per guidare e vivere da protagonisti il cambiamento, le funzioni IT/Digital devono cambiare mindset e metodi di management e gli specialisti IT sono chiamati a modificare il proprio profilo professionale, basandolo su tre aree di competenza fondanti, ci spiega Pasini.

«La capacità di comprendere le sfide e le opportunità che l’impresa si trova ad affrontare in un mondo digitale. La capacità di gestire e collaborare a progetti tecnologici in cui agilità e velocità sono una caratteristica imprescindibile. E la capacità di lavorare all’interno di funzioni IT moderne, adottando i più attuali modelli di IT management». Lo sviluppo di queste tre aree di competenza è la sfida che l’Academy vuole affrontare, unendo le energie di due importanti attori complementari nel contesto italiano, SDA Bocconi, leader nella formazione manageriale in Italia e unica istituzione posizionata nei ranking internazionali, e Accenture, leader nella realizzazione della trasformazione digitale delle imprese italiane e internazionali.

Leggi anche:  Huawei riprende la sua corsa con i chip di Qualcomm